Y tu mama tambien di Alfonso Cuarón: la recensione

Recensione di Y tu mama tambien di Alfonso Cuarón, con Diego Luna, Gael García Bernal e Maribel Verdú.

Y tu mama tambien di Alfonso CuarónY tu mama tambien di Alfonso Cuarón, vincitore di due premi alla Mostra del Cinema di Venezia del 2001 (miglior sceneggiatura e Premio Marcello Mastroianni per il miglior attore esordiente a Gael García Bernal e Diego Luna), è tanti film contemporaneamente: road movie assolato e smaliziato, intimo e vitale romanzo di formazione, silenziosa ma puntuale indagine sulla realtà sociale di un Messico rurale e dimenticato dai mass media. Un film che sembra procedere come viene, senza meta, un po’ come fanno i tre protagonisti a bordo di una scassata automobile per le strade infinite della loro terra natia, ma in realtà Y tu mama tambien ha le idee chiarissime, riuscendo a coinvolgerci realizzando un fine non facile: raccontare i sentimenti mettendo al centro i corpi e la carnalità.

Il quarto lungometraggio diretto da Cuarón è un piccolo miracolo, una piccola perla dei primi anni Duemila, proprio perché riesce ad essere multiforme e compatto, poliedrico e omogeneo. In perfetto equilibrio tra dramma e commedia, con dialoghi brillanti e di sfrenata quotidianità, e con una presenza dell’eros costante ma mai morbosa né greve, Y tu mama tambien ci trascina via pian piano, (tras)portandoci in questa zingarata a cavallo tra adolescenza, tempo della maturità e iniziazione all’età adulta, con gli scorni e le perdite che la caratterizzano, dove sesso, droga e alcol fanno da veicolo verso un’energia galoppante che non tornerà più.

A ben vedere, però, il tratto più interessante del film sta nella sua “nota” minore, o almeno così è all’apparenza, cioè lo sguardo che Cuarón dedica al suo Paese. Attraversarlo è osservarlo e consegnarcelo per riflettere su un Messico polveroso e abbandonato, ma sorridente e ospitale nel modus vivendi della gente che lo abita. È così che il viaggio dei protagonisti, i due piccoli uomini Julio e Tenoch, e la giovane (e intrigante) donna Luisa, si fa contemporaneamente fisico e spirituale, ambientale e sociale. E Y tu mama tambien ci seduce e interroga col fare subdolo di un autoscatto che profuma di ieri ma ci parla dell’oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.