Tom à la ferme: largo a Dolan, l’Ozon canadese

tom-à-la-fermeNella vecchia fattoria. Degli orrori. E non c’è lo zio Tobia (ia-ia-oh!), ma il biondino e bisunto Tom. Tom à la ferme, appunto

Tra vacche grasse e latte appena munto, un thriller psicologico e “sentimentale” cupo, livido, nel quale speranza e luce del sole passano a fatica. Dopo tre film a Cannes, l’enfant prodige Xavier Dolan (25 anni) sbarca al Lido con Tom à la ferme. Tutta giocata su una manciata d’attori in formissima (tra cui il regista stesso nei panni del protagonista), l’opera di Dolan angoscia e coinvolge in una spirale di eventi e violenza d’inquietante gusto kafkiano. Verità taciute e menzogne montate ad hoc sono i due paletti tra cui, in un desolato e isolato Canada di campagna, si consuma una morte dai contorni a dir poco torbidi. Trascinato da musiche e canzoni dal marcato gusto melò, Tom à la ferme ingrigisce l’animo dello spettatore, ma allo stesso tempo lo illumina col talento del Francois Ozon canadese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.