Philomena: il capolavoro di Stephen Frears

philomena“Chi sta in prima classe non è detto sia da prima classe”. Questa la perla di saggezza regalata da Philomena a Martin in viaggio aereo verso gli USA. E Stephen Frears lo è, di prima classe. Proprio come il suo film. E giù applausi scroscianti al PalaBiennale per il suo Philomena.

Sul grande schermo una storia vera, di “vita vissuta”, che mischia alla perfezione dramma e commedia. Judi Dench veste i panni di un’anziana donna irlandese che non ha mai smesso di cercare l’amato figliolo, toltole in gioventù dalle suore e affidato ad una famiglia americana. Un’opera sul valore delle origini e la forza d’animo per il cuore sacro e (s)confortato di una madre alla quale basta sapere che il frutto del suo grembo sta bene, è felice e in salute.

Pur con alcune frecciate alla Chiesa cattolica, confinate però in sporadiche affermazioni di sfogo di Martin, uomo di buona volontà ma astioso verso la religione, Philomena non è un film di denuncia, non è Magdalene di Peter Mullan. A Frears interessa solo raccontarci una storia, piccola, privata, che proprio per questo arriva al cuore, rimanendo impressa in noi ben più degli sciocchi romanzetti su principi e principesse letti e raccontati con foga dall’adorabile protagonista.

Supportato dalla luminosa colonna sonora di A. Desplat, un Frears d’annata che diverte molto e con intelligenza grazie ad una brillante sceneggiatura di ferro, densa di botta e risposta e scandita da gag ciniche e (poco) british. Un’opera che, sia a caldo che a mente lucida, serba quell’aura che solo i capolavori possiedono. Altro che il riduttivo premio per la Miglior Sceneggiatura… Philomena meritava il Leone d’Oro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.