Richard Jewell di Clint Eastwood: sbatti l’eroe in prima pagina

Recensione di Richard Jewell di Clint Eastwood.

Richard JewellDopo Invictus (2009), J.Edgar (2011), American Sniper (2014), Sully (2016) e Ore 15:17 – Attacco al treno (2018), un nuovo ritratto in quella fitta galleria di persone/personaggi che contraddistingue la filmografia dell’ultimo decennio, da regista, di Clint Eastwood.

Richard Jewell è la fotografia di un eroe degradato a complice dei terroristi. Artefici di questo scempio, il governo degli USA e i media, entrambi sempre a caccia di un colpevole da gettare in pasto all’opinione pubblica. È il ritratto asciutto e senza fronzoli, non privo di evitabili passaggi un po’ didascalici e scolastici, di una vittima delle storture di un sistema che antepone la (dis)informazione alla realtà.

Giunto alla soglia dei novant’anni, Clint Eastwood ci regala un film importante, solido, che stupisce per compattezza e lucidità di sguardo. Non privo di più o meno sottesi intenti politici, come molti film del grande vecchio del cinema hollywoodiano, Richard Jewell colpisce nel segno, anche senza vergognarsi di alcune “cadute di stile”, come l’inserimento del grossolano personaggio della giornalista senza scrupoli (una pur brava Olivia Wilde). Ma a Clint Eastwood poco importa se, da buon (e dichiarato) repubblicano, il fine serve a giustifica i mezzi.

La regia non ha un cedimento nel suo essere classica quasi oltre misura e pressoché invisibile. E anche qui sta il mestiere di Eastwood: eclissarsi quando è richiesto, e saper gestire al meglio i suoi attori, che (apparentemente) si caricano sulle spalle tutto il film. Da applausi Paul Walter Hauser, al suo primo ruolo da protagonista dopo alcune particine in Tonya di Craig Gillespie (2017) e BlacKkKlansman di Spike Lee (2018). Sempre più bravo Sam Rockwell, nel ruolo più sfrondato della sua carriera, dimostrandosi uno dei migliori caratteristi della Hollywood degli anni Duemila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.