Professor Marston and the Wonder Women: la recensione

professor marston and the wonder womenScritto da Pietro Braccio.

Nell’anno in cui Patty Jenkins e Gal Gadot hanno riportato alla ribalta il personaggio di Wonder Woman nelle sale cinematografiche di tutto il mondo, dando vita al film più apprezzato e chiacchierato del DC Extended Universe della Warner Bros., Professor Marston and the Wonder Women ci riporta negli anni Quaranta e ci racconta la mente e le vicende di chi ha creato la prima eroina femminile della DC Comics.

È il ritorno – per lo più convincente – al lungometraggio cinematografico da parte di Angela Robinson, a dodici anni di distanza dal leggerino Herbie – Il super maggiolino e dopo un’incursione nel mondo delle serie tv in qualità di sceneggiatrice e regista.

Nei panni del Professor Marston, psicologo che prima di creare Wonder Woman inventò la macchina della verità, un convincente Luke Evans. Ma è Rebecca Hall a rubargli la scena, almeno nella prima parte del film, nel ruolo della moglie in carriera, intelligente e arguta, che contribuisce a strapparci più di un sorriso. L’equilibrio della coppia viene un giorno spezzato dall’ingresso nelle loro vite di Olive, interpretata da Bella Heathcote, bella di nome e di fatto ma forse non troppo a proprio agio nei panni di questo personaggio.

Professor Marston and the Wonder Women è un biopic dai toni vaporosi – forse troppo in alcuni casi, considerando che non mancano ménage à trois e particolari gusti sessuali con le corde – dove la commedia prevale sul dramma, ma che comunque non manca di far riflettere su argomenti seri e sempre attuali, quali il ruolo della donna in ambienti di lavoro considerati “maschili” e la libertà di vivere i propri sentimenti come meglio si crede senza curarsi dei (pre)giudizi della società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.