Partenonas di Mantas Kvedaravicius: recensione

Recensione di Partenonas di Mantas Kvedaravicius.

Partenonas filmScritta da Vanessa Forte.

Primo film di finzione del pluripremiato documentarista lituano Mantas Kvedaravicius, Partenonas è un’opera visionaria, estremamente difficile e spesso disturbante, che non assomiglia a nulla di conosciuto nel mondo cinematografico. Tanto che necessita di più di una visione per trovarvi una chiave di lettura atta a decodificare questo nuovo linguaggio.

In un bordello ateniese, un uomo narra le vicende della sua vita alla ricerca di onore e gloria. Egli si racconta attraverso tre personaggi (una prostituta, un gangster e un pittore) e in tre diverse città (Atene, Istanbul e Odessa). Ma la memoria lo tradisce, e lui sa che in una delle sue tante vite dovrà morire.

Presentato alla 34esima Settimana Internazionale della Critica nell’ambito di Venezia76, Partenonas è frutto di una lunghissima ricerca che ha impegnato il regista per diverso tempo e in diversi luoghi. Una ricerca etnografica (N.B. Kvedaravicius ha un dottorato di ricerca in antropologia all’Università di Cambrige) che necessita da un lato di un’osservazione oggettiva e dall’altro di una certa immedesimazione nei soggetti osservati.

Il regista frantuma la memoria in diversi luoghi e in diversi corpi ma, soprattutto, in diversi tempi che si intersecano e si sovrappongono facendo diventare la storia di uno la storia di molti. Kvedaravicius non ci indica una direzione da seguire, ma ci invita a immergerci in un vortice in cui ogni tassello, ogni pezzo di corpo, spazio e tempo, è essenziale per raggiungere uno sguardo d’insieme. I corpi si muovono in spazi sbriciolati, spesso claustrofobici, sotto luci filtrate e scure per creare un luogo legato alla memoria e al tempo. Egli ricerca così l’essenza dell’uomo, usando la cinepresa per inquadrare situazioni e personaggi verosimili e reali da cui si distacca  per definire quelle connessioni tra persone e situazioni che non si vedono ma che esistono. Partenonas è un fiume sotterraneo di cui non si conosce la portata, la lunghezza né il percorso, nella cui corrente lo spettatore viene sballottato fino allo stordimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.