Libri simili a Twilight: 10 romanzi da leggere tipo quello di S. Meyer

Libri simili a Twilight: 10 romanzi da leggere tipo quello di Stephenie Meyer, se ti piace questo genere.

libri simili a twilightE’ uno dei libri più letti dai teenager negli anni Duemila. Twilight, e tutta la saga che ne è derivata, ha riscosso un successo gigantesco negli Stati Uniti come in Italia. Un trionfo che è presto approdato anche al cinema, col film interpretato da Kristen Stewart e Robert Pattinson. Se ti piace questo genere, ecco allora 10 romanzi da leggere simili a Twilight che potrebbero interessarti:

Dark and Light – Amore Impossibile di Sabrina Pennacchio: un’isola ricoperta costantemente da una strana nebbia grigia e fitta, un nuovo college e un incontro inaspettato in aeroporto… Isabel non poteva aspettarsi un nuovo inizio più incasinato, eccitante e oscuro di così. Dopo la morte del padre, sopraggiunta all’improvviso, lei e la madre si trasferiscono a Shadow City, dove ogni cosa non è mai come appare realmente.

Il Grimorio Nero di Stefano Lanciotti: il Grimorio Nero è il più antico tra tutti i Grandi Artefatti. La leggenda vuole che sia apparso millenni fa nell’Antico Egitto, ma da allora nessuno lo ha mai più rivisto. I Maghi Neri lo cercano disperatamente, per iniziare ad armi pari la guerra finale contro le altre Confraternite. Prima di loro, però, sperano di trovarlo Tom, Eaden, Beryl e la loro piccola compagnia, per evitare di far scoccare la scintilla che la farà divampare.

La principessa di Ys di Sara Simoni: nel 52 a.C. Ys, leggendaria capitale dell’Armorica, sprofonda nell’oceano a causa della passione proibita tra la principessa celta Dahut e l’affascinante generale romano inviato da Cesare. Dopo duemila anni Ys, grazie a un potente incantesimo che la protegge dagli abissi, risorge e prospera sotto la guida della dinastia Ruaidhri.

Giovani, carine e bugiarde. Assassine di Sara Shepard: Nella cittadina di Rosewood, Pennsylvania, tutto sembra perfetto: il sole dell’inverno spande i suoi raggi dorati e il lago luccica come un diamante. Ma spesso questa apparente perfezione nasconde dei segreti… proprio come le quattro ragazze più carine di Rosewood.

Legend di Stephanie Garber: dopo la travolgente avventura nel mondo magico e misterioso del Caraval, Donatella Dragna è riuscita finalmente a sfuggire al padre e a salvare la sorella Rossella da un disastroso matrimonio combinato. Ma Tella non è ancora libera; per ritrovare la madre Paloma ha stretto un patto disperato con un criminale misterioso.

Tutto il tempo con te di Sara Purpura: è passato del tempo dal giorno dell’incidente, dal momento terribile che ha segnato la fine della storia d’amore tra Desmond e Anais. Da allora lui ha fatto di tutto per evitare la ragazza, anche adesso che frequentano la stessa università.

A un metro da te di Rachael Lippincott: a Stella piace avere il controllo su tutto, il che è piuttosto ironico, visto che da quando è bambina è costretta a entrare e uscire dall’ospedale per colpa dei suoi polmoni totalmente fuori controllo. Lei però è determinata a tenere testa alla sua malattia, il che significa stare rigorosamente alla larga da chiunque o qualunque cosa possa passarle un’infezione e vanificare così la possibilità di un trapianto di polmoni.

Amore 14 di Federico Moccia: Carolina ha quasi quattordici anni. È unica, come lo sono molte ragazze di quell’età. È un momento magico. Ci sono le amiche con cui dividere i giorni e i sogni. Ci sono i primi baci rubati nella penembra del portone. C’è la musica che capita sempre al momento giusto e quelle parole che sembrano sempre parlare di lei. Poi ci sono le feste.

Questo canto selvaggio di Victoria Schwab: a Verity City, spietata metropoli che per anni è stata teatro di attentati e crimini efferati, la violenza ha iniziato a generare mostri, creature d’ombra che appartengono a tre stirpi: i Corsai e i Malchai, avidi di carne e sangue umani, e i Sunai, più potenti, che come implacabili angeli vendicatori con il loro canto seducono e divorano l’anima di chi si sia macchiato di gravi crimini.

Io, te e il mare di Marzia Sicignano: “Ti sei mai sentito solo al mondo? Ti sei mai sentito senza un senso, diviso a metà, come se ti mancasse qualcosa? Ecco, quando ti ho visto per la prima volta è stato come ritrovare la parte di me che avevo perso, forse, quando ho messo piede in questo mondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.