La casa di Jack: confessioni di una mente pericolosa

Recensione di La casa di Jack di Lars Von Trier.

la casa di jackConfessioni di una mente pericolosa. Quella Jack o quella di Lars Von Trier? Probabilmente entrambe. Perché l’una è l’altra, l’una è diretta genesi dell’altra. Perché Jack è Lars e Lars è Jack, in uno slittamento continuo e vertiginoso tra realtà e immaginazione, tra arte e vita.

La casa di Jack è l’ennesima creatura malata partorita dalla mente del noto regista danese. Ed è l’ennesima conferma di un autore cinematografico sempre più spinto oltre i confini della follia.
La casa di Jack è un film di rara potenza, visiva, narrativa, estetica. È un buco nero che ci risucchia in un vortice di violenza, fisica e psicologica, come raramente abbiamo incontrato sul grande schermo.
La casa di Jack ci interroga sulla “materia” (concetto chiave del film) più nera e inconscia dell’uomo, continuamente scisso e (ri)unificato tra corpo e anima.

“Siamo fatti della stessa materia dei sogni”. Frase arcinota.  Ma è davvero così? Oppure siamo fatti di violenza, lati oscuri, sentimenti disumani? Cosa si nasconde nel profondo di ciascuno di noi? Lars Von Trier apre e scarnifica la mente di un serial killer e, in controluce, ci costringe a guardare dentro noi stessi. La casa di Jack è quindi un viaggio psicanalitico nell’uomo, un viaggio interiore che è anche cammino metafisico in compagnia di quel Virgilio psicoterapeuta interpretato da Bruno Ganz e di quel Dante senza pudore interpretato da un gigantesco Matt Dillon. Quest’ultimo, dimenticato dal cinema, si “redime” alle luci della ribalta in quella che molto probabilmente è la fisionomia dell’assassino più truce e certosina che si sia mai vista. Jack (che non a caso richiama al noto Squartatore) è un serial killer efferato, allo stesso tempo istintivo e razionale, malato e geniale, disgustoso e godereccio agli occhi di uno spettatore che, pur scioccato dalle sue gesta, non può non “goderne” in qualche modo.

La casa di Jack è un film-tsunami, di quelli che inondano chi guarda, trascinandoci in un inferno di sangue e carne maciullata che sconcerta e sazia. È un altro tassello, forse tra i più riusciti, dall’innegabile peso specifico nella filmografia di un regista che non conosce il senso del limite e che, anche quando lo supera, in un modo o nell’altro, sa sempre ritrovare la strada verso casa. Quella di Jack, in questo caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.