Cosa voglio di più di Silvio Soldini: la recensione

cosa-voglio-di-più“A volte basta un attimo per dimenticare tutta una vita, ma altre volte non basta tutta una vita per dimenticare un attimo”. Una frase profetica che il panciuto  e inconsapevole cornuto Alessio (Giuseppe Battiston) pronuncia quando la funesta profezia si è già verificata: la sua amata Anna (Alba Rohrwacher) è appena rientrata dall’incontro col suo focoso amante, Domenico (Pierfrancesco Favino). Un coltello del catering, un sorriso, un biglietto da visita. E’ questo l’attimo che stravolge il cuore e la mente della bionda protagonista, un attimo che non si scorda e manda in fumo anni di vita passati insieme al suo fido compagno.

Dopo il dittico del colore Pane e tulipani-Agata e la tempesta, Silvio Soldini realizza quello sul precariato (del lavoro e dell’amore) Giorni e nuvole-Cosa voglio di più. I toni freschi e briosi della commedia si tramutano in drammi della quotidianità densi di pathos. La stessa cromia accesa e quasi acida dei primi due scompare a favore di colori freddi, grigi, urbani. Soldini abbandona il paese delle meraviglie e torna sulla terra. Quella patina opaca e vaporosa, che avvolgeva la Genova tutta porto e cemento nella quale si muoveva la coppia Albanese-Buy, trasmigra in una Milano indefinita e indecifrabile, fatta di angoli stradali e interni di pub, uffici, auto, motel.

Il baffuto regista lombardo confeziona una nuova perla del cinema italiano, dando personalità e originalità ad un plot vecchio come il mondo: il tradimento. Ci riesce grazie ad una regia dominata, proprio come in “Giorni e nuvole”, da una macchina a mano che pedina i personaggi, li scruta da vicino, accentuando il nauseante e instabile equilibrio dei tempi moderni. Ma non solo. Anche tramite una colonna sonora sobria, quasi inesistente, per di più intradiegetica, che lascia ampio spazio ai rumori metallici e fastidiosi di sedie, porte, tacchi, sportelli, finestre.

Con Cosa voglio di più siamo di fronte ad un’opera pregiata, che osserva la realtà mischiando fare da reportage e poesia, portando lo spettatore ad una profonda e totale immedesimazione.

Cosa voglio di più? Niente, grazie. Ci basta un Silvio Soldini così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.