High Flying Bird di Steven Soderbergh: la recensione

Recensione di High Flying Bird di Steven Soderbergh, disponibile su Netflix.

High Flying Bird recensione film sul basketIl cinema, e la vita, ai tempi dell’Iphone. Pare essere questo, oltre a quello “in primo piano” del basket, il tema di High Flying Bird, l’ultima fatica di Steven Soderbergh interamente girata con un iPhone 8.

Il gioco, del basket, e i giochi, di potere (ma anche di forza e di denaro), che guidano il sistema dello sport, quello con la “s” maiuscola, quello che fare girare soldi, vendere snickers e gadget. Come si può “trollare” il sistema, in questo caso l’NBA? Giocando ad un livello superiore. È quello che fa Ray Burke (André Holland), manager sportivo che, per difendere la sua carriera e quella del suo assistito, il promettente Erick Scott (Melvin Gregg), inventa una storia che, transitata nei media, mette in crisi e sblocca la lega. Ed è quello che fa anche Steven Soderbergh, alzando l’asticella di un cinema americano troppo spesso anonimo negli ultimi anni. Poco importa se High Flying Bird parla un linguaggio non comprensibile a tutti, un gergo da “addetti ai lavori”. Film come La grande scommessa di Adam McKay (2015), a prima vista pressoché incomprensibile perché tutto dialogato nel “politichese” della finanza, dimostrano come il cinema, anche quando parla difficile, sappia comunque bucare lo schermo e colpire dritto in faccia lo spettatore. High Flying Bird, come dice il titolo stesso, preso in prestito dall’omonimo brano folk cantato nel film da Richie Havens, vola alto, non preoccupandosi del rischio di non essere compreso da tutti.

Recensione di La grande scommessa

Steven Soderbergh va a canestro in solitaria, con un tiro da tre che sa investire l’attenzione di chi guarda. High Flying Bird sa di essere un unicum dalla vita breve. Ma questo poco importa al suo regista, che nel system del cinema americano, a costo di qualche sconfitta, sa come conservare la propria personalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.