Venezia 72: Everest di Baltasar Kormákur il film d’apertura

Everest di Baltasar Kormákur è il film d’apertura, fuori Concorso, della 72esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

everest-filmTra i tanto attesi e quotati Steven Spielberg, Ridley Scott e Guillermo del Toro, a spuntarla in sordina è Baltasar Kormákur, regista sicuramente meno conosciuto con un film di cui si parla già da tempo. Una delusione? Parziale. Ci si aspettava una bomba, diciamo che è arrivato un mortaretto o un buon fuoco d’artificio, ma nulla di più. Però Barbera ci ha abituato a grosse sorprese, quindi i veri botti potrebbe per ora tenerli nascosti in cantina…

Certamente c’è un super cast, di quelli che creano una certa ressa di fan e curiosi ai bordi del red carpet. Attoroni di richiamo come Jason Clarke, Josh Brolin, John Hawkes, Robin Wright, Michael Kelly, Sam Worthington, Keira Knightley, Emily Watson e Jake Gyllenhaal. Insomma, un treno di star…

Ispirato a fatti realmente accaduti nel tentativo di raggiungere il “tetto” del mondo, Everest racconta il viaggio di due spedizioni che s’imbattono in una violentissima tempesta di neve. Ma il coraggio degli scalatori viene messo a dura prova dalla forza della natura, che trasformerà la loro ossessione in una lotta per la sopravvivenza. In soldoni, un vibrante dramma con risvolti action che riporta on screen l’eterno scontro uomo-natura…

Curioso apprendere che il film è stato girato non solo in Nepal, alle pendici dell’Everest, ma anche sulle Alpi italiane del Trentino-Alto Adige e negli studi di Cinecittà a Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.