L’ attesa di Piero Messina: la recensione

L'attesa film

Assistente alla regia di Paolo Sorrentino per This Must Be the Place e La grande bellezza, Piero Messina porta con coraggio il suo film d’esordio, L’ attesa, nelle fauci del Concorso della 72esima edizione del Festival di Venezia. La ricompensa sono applausi (anche della stampa) per un buonissimo esordio, personale e sensuale, sorretto da una divina Juliette Binoche. L’ attesa […]

Continua a leggere

Mia madre: Nanni Moretti e l’inadeguatezza (di tutti noi)

mia madre di nanni moretti

“Tutti pensano che io sia capace di capire quello che succede, di interpretare la realtà, ma io non capisco più niente.” (Margherita) Il caimano, Habemus Papam, Mia madre: la trilogia morettiana dell’inadeguatezza. Nel primo di un uomo ridicolo nella vita privata e nel lavoro, nell’affrontare un amore finito e nel dirigere un film su Berlusconi che non sente suo. Nel […]

Continua a leggere

La famiglia Belier: la fonetica dei sentimenti.

La Famiglia Belier

Il cinema francese è una vera fucina di commedie semplici, deliziose, sfiziose, dove tutto quadra, dove tutto è in gran parte prevedibile dopo una manciata di minuti. Su tutte il memorabile Quasi amici, diventato il secondo film francese di maggior successo di tutti i tempi (dopo Giù al nord del 2008), ma anche Cena tra amici (tanto che Francesca Archibugi […]

Continua a leggere

Still Alice: l’Alzheimer non basta…

still alice film alzheimer

Still Alice è un film dalle buone premesse, anche dal buon inizio, poi si perde, finendo per essere affetto dalla stessa malattia che con coraggio si proponeva di trattare… Ottobre 2010: Pupi Avati porta al cinema Una sconfinata giovinezza, capolavoro sulla malattia-tabù del morbo di Alzheimer. Un film così duro e straziante al solo pensiero che il pubblico ha preferito […]

Continua a leggere

St. Vincent: convenzionale è bello con St. Bill Murray

st. vincent bill murray

C’è un nuovo santo da aggiungere sul calendario: St. Vincent de Van Nuys. O se preferite, St. Bill Murray. St. Vincent è un film piccolissimo, che come molte cose piccole nasconde in sé un tesoro. La sceneggiatura, scritta nel 2011 da Theodore Melfi, è ben presto finita nella Black List di Hollywood tra i migliori script non ancora prodotti. Poteva rimanere chiusa in […]

Continua a leggere

Colpa delle stelle, un’afflizione imperiale

colpa delle stelle film un'afflizione imperiale

Recensione di Colpa delle stelle di Josh Boone. “Il dolore esige di essere vissuto”. Questa la frase cardine del libro Un’afflizione imperiale di Peter Van Houten letto e riletto, amato e venerato da Hazel e Augustus, i due protagonisti di Colpa delle stelle di Josh Boone. Dietro un titolo con la veste grafica di 3 metri sopra il cielo o […]

Continua a leggere

Quel che sapeva Maisie: il divorzio agli occhi dei piccoli

quel che sapeva maisie

Cosa sa, capisce e percepisce una bambina di sei anni quando i suoi genitori decidono di divorziare? Da questo interrogativo nasce Quel che sapeva Maisie di Scott McGehee e David Siegel. Poi il film cresce e pone un’altra domanda: che ne sarà di Maisie una volta che papà e mamma hanno ottenuto un divorzio? La piccoletta da dolce creaturina da […]

Continua a leggere

Due giorni, una notte: il diritto al lavoro secondo i Dardenne

deux jours une nuit

Presentato in occasione della prima edizione di “Cannes a Firenze”, Due giorni, una notte riporta i fratelli Dardenne ad un tema caro al loro cinema sociale sin dagli esordi (La promesse): il dramma del lavoro. Questa volta si parla di licenziamenti e bonus in busta paga tra desiderio, necessità e diritto al lavoro. A differenza di altri precedenti, nonostante tutto […]

Continua a leggere

Storia di una ladra di libri: tra cinema e letteratura

storia di una ladra di libri

Sin dai suoi esordi il cinema si è sempre abbeverato alla letteratura, ora per semplici spunti ora per trasposizioni di interi romanzi di successo. Tra i filoni più fortunati dal punto di vista cinematografico troviamo quella produzione letteraria ambientata negli anni del Nazismo e della Seconda Guerra Mondiale. Ma la settima arte è sempre adatta e capace nel rappresentare la […]

Continua a leggere

Alabama Monroe: il cerchio della vita in chiave bluegrass

Insieme ad Amour di Michael Haneke e La grande bellezza di Paolo Sorrentino, il più bel film europeo da vari anni a questa parte, e senza dubbio il migliore che il cinema belga abbia mai partorito. Alabama Monroe (The Broken Circle Breakdown) di Felix Van Groeningen ha l’irruenza di un ago nelle vene, di uno spillo che prima marchia la […]

Continua a leggere

Philomena: il capolavoro di Stephen Frears

philomena film di stephen frears

“Chi sta in prima classe non è detto sia da prima classe”. Questa la perla di saggezza regalata da Philomena a Martin in viaggio aereo verso gli USA. E Stephen Frears lo è, di prima classe. Proprio come il suo film. E giù applausi scroscianti al PalaBiennale per il suo Philomena. Sul grande schermo una storia vera, di “vita vissuta”, […]

Continua a leggere

Amour: il colpo basso di Michael Haneke

Amour è un film che ti sfonda sin dalla sequenza iniziale, con quella esile porta fracassata da un ariete della polizia che ci conduce senza preavviso in un dramma consumato e ancora vivo. Poi si volta pagina: tutti a teatro. Georges e Anne si godono il concerto del loro più promettente pupillo al pianoforte. Michael Haneke con amour realizza il […]

Continua a leggere

La guerra è dichiarata: profumo di Oscar.

Non è da tutti portare sul grande schermo un dolore vissuto in prima persona. Per di più se i protagonisti e sceneggiatori del film sono proprio coloro che sono stati direttamente interessati dal dramma. Con invidiabile coraggio e struggente meraviglia lo hanno fatto Valérie Donzelli e Jérémie Elkaim in La guerra è dichiarata, dove raccontano la propria storia di genitori […]

Continua a leggere

Rabbit Hole con Nicole Kidman: la recensione

L’elaborazione del lutto connesso alla morte di un figlio è sempre una tematica spinosa da trattare. Si rischia sempre la deriva ad un estremo (freddezza, apatia, troppo self control) o all’altro (capelli strappati, pathos mucciniano, lacrime a gogo). Rabbit hole di John Cameron Mitchell ha il pregio di stare in equilibrio su quest’asse, coinvolgendo lo spettatore nel dolore della coppia […]

Continua a leggere

Tutti i nostri desideri (Toutes nos envies): la recensione

tutti i nostri desideri

Se fosse uno slogan pubblicitario potrebbe essere: Philippe Lioret, sinonimo di qualità. Dopo lo straordinario Welcome, il regista francese fa di nuovo centro con Tutti i nostri desideri (Toutes nos envies), presentato con successo alle “Giornate degli autori”. Un’opera intensa, capace di toccarci il cuore riunendo in un solo gesto pudore ed incisività. Dopo la tematica dell’immigrazione, trattata mettendo alla […]

Continua a leggere

L’uomo che verrà: i bambini ci guardano

l'uomo che verrà giorgio diritti

Martina ha 8 anni, due gambe esili da pinocchietto e due grandi occhi spalancati sul mondo tra sogno e malinconia. Il suo sguardo tutto coglie e niente tralascia. Giorgio Diritti pone la macchina da presa ad “altezza bambino” e attraverso questa prospettiva pura e privilegiata ci conduce su e giù tra i boschi e i viottoli, i covoni di paglia […]

Continua a leggere

La nostra vita: l’Italia che soffre e lavora

la nostra vita film

Visceralmente italiano. Dietro un titolo oneroso e ingombrante, La nostra vita misura i battiti dell’Italia del nostro tempo. La sicurezza sul lavoro (nero), il rapporto con gli extracomunitari, la nascita di un nuovo proletariato, gli “impicci” dell’edilizia, la famiglia, la paternità e la cura dei figli. Senza (s)cadere nel film di denuncia e senza morali o ideologie morettiane/guzzantiane di fondo, […]

Continua a leggere

La fine è il mio inizio: father and son…

La fine è il mio inizio

Il cerchio della vita. Non è il Re Leone, ma uno dei tanti insegnamenti della terrestre filosofia di vita di Tiziano Terzani, i cui ultimi giorni sono raccontati in La fine è il mio inizio di Jo Baier, con Bruno Ganz ed Elio Germano. Un film della parola, di una parola pura, che non si trasforma in flashback o simili. […]

Continua a leggere

Tutto su mia madre: film rosso – recensione

tutto su mia madre film rosso

Analisi di Tutto su mia madre di Pedro Almodovar. Premessa: quella che segue non è una recensione, ma un’analisi di alcuni aspetti del film. Tutto su mia madre (Pedro Almodovar, 1999) è un film di colore, anzi sul colore, vero collante di una storia complessa ed eccessiva. Un colore ridondante che nelle sue tonalità calde riecheggia le origini latine del regista. […]

Continua a leggere

Tu devi essere il lupo: perla dimenticata del cinema italiano – recensione

tu devi essere il lupo film

Recensione di Tu devi essere il lupo di Vittorio Moroni. Carlo, poco più di 30 anni, è un tassista che ama fotografare di nascosto i suoi clienti. Vale, 14 anni, è sua figlia, una ragazzina come tante altre. Un rapporto forte il loro, che non permette intromissioni. Ma un giorno dal Portogallo sbarca a Sondrio una donna, che potrebbe alterare […]

Continua a leggere
1 2 3