Nessun nome nei titoli di coda: recensione documentario

Nessun nome nei titoli di coda

Recensione di Nessun nome nei titoli di coda, documentario su Amazon Prime Video. Le comparse, queste sconosciute! Eppure a pensarci bene, il cinema, senza quelle che in gergo usiamo chiamare comparse, non sarebbe il cinema, anzi proprio in molti casi non esisterebbe. E a gestire il dietro le quinte di questo mare magnum di figuranti, tra i suoi maggiori esponenti […]

Continua a leggere

The Gentlemen: i gangster pop, tamarri e radical chic di Guy Ritchie

“That’s entertainment” cantano i The Jam nei titoli di coda di “The Gentlemen” di Guy Ritchie, disponibile in esclusiva su Amazon Prime Video. Una canzone che incarna perfettamente tutto il cinema del regista britannico: intrattenimento, puro intrattenimento. Denso di ironia, sarcasmo, gag tragi-comiche e una bella dose di sangue e pistole.

Continua a leggere

Mank di David Fincher: recensione film su Netflix

Mank film netflix

“Mank” non è solo un biopic, ma una riflessione più ampia sul cinema, su quella macchina che racconta storie e regala sogni, anzi ricordi, come sottolinea il capo della MGM, Louis Mayer, perché ciò che lo spettatore acquista col biglietto rimane della casa di produzione.

Continua a leggere

Palm Springs – Vivi come se non ci fosse un domani: recensione

palm springs recensione film

Recensione di Palm Springs – Vivi come se non ci fosse un domani. Il tema del loop temporale nel quale ci si risveglia sempre nello stesso giorno è stato magistralmente segnato da quel capolavoro di Il giorno della marmotta con Bill Murray, del quale c’è stato anche un buon remake italiano, È già ieri con Antonio Albanese. Poi di emuli […]

Continua a leggere

Disturbing the Peace – Sotto assedio: recensione film

Disturbing the peace

Recensione di Disturbing the Peace – Sotto assedio. Disturbing the Peace – Sotto assedio, disponibile su Amazon Prime Video, è un film che non si vergogna d’essere anacronistico e ridicolo, lanciando un guanto di sfida allo spettatore assuefatto ed esigente di oggi con un’opera che pesca ad ampie mani negli anni ’80 e ’90. Protagonista un Guy Pearce un po’ […]

Continua a leggere

Mi chiamo Francesco Totti: il trionfo di un numero 1(0)

Mi chiamo Francesco Totti

Un grande documentario sul calcio e su un calciatore più unico che raro. Il racconto segue un andamento canonico e Totti, come in un lungo flashback, anzi più un rewind, racconta tutta la sua carriera, dai primi calci ad un pallone nel cortile della scuola allo scudetto della Roma, dai mondiali del 2006 al ritiro definitivo dal campo di gioco.

Continua a leggere

Ferro: recensione del documentario su Tiziano Ferro su Prime Video

documentario su tiziano ferro

Il documentario su Tiziano Ferro è un’opera di grande intensità e di grande sentimento, dove l’icona della musica pop si mette a nudo, raccontando tutta la verità su se stesso, sul suo passato, sul coming out riguardo la sua omosessualità (per troppo tempo nascosta al mondo), sulle grandi sofferenze vissute lontano dalle luci della ribalta.

Continua a leggere

Suburra – La serie: recensione della terza stagione

suburra la serie terza stagione

Stagione finale di una serie amatissima tanto quanto, se non di più, la “cugina” “Gomorra”, il terzo giro di giostra di “Suburra” è una conclusione in tono minore, o forse solo meno splendente ed efficace rispetto alle (alte) aspettative. Il confronto con la prima stagione e la seconda è d’obbligo, inevitabile, imprescindibile.

Continua a leggere

The Lighthouse di Robert Eggers: recensione film con Robert Pattinson

the lighthouse film

Con “The Witch”, horror immersivo che faceva della cura scenografica e della potenza visiva le sue due armi contundenti, Eggers aveva stupito tutti. Ora con “The Lighthouse”, thriller che riesce a fare luce sugli angoli più bui della mente umana, la posta in gioco si è alzata.

Continua a leggere

Tornare a vincere di Gavin O’Connor: il trionfo di Ben Affleck

tornare a vincere

Poche carriere a Hollywood sono state discontinue e tormentate come quella di Ben Affleck. Un ricorrente saliscendi tra picchi luminosi (come “L’amore bugiardo”, “Argo”, “The Town”) e cadute rumorose (come “Justice League”, “Paycheck”, “The Accountant”). “Tornare a vincere” è il suo ritorno sul podio, a testa alta, col sole in fronte.

Continua a leggere

Georgetown: l’anonimo esordio alla regia di Christoph Waltz

georgetown film

Fumoso come i toni grigi, slavati, sbiaditi che lo avvolgono, l’esordio alla regia di Christoph Waltz è un film sterile, che, pur tenendoci in bilico su un blando filo dell’attenzione, non riesce mai a coinvolgerci davvero. Non è un thriller, non è una commedia, non è tantomeno una dramedy.

Continua a leggere

Favolacce: i fratelli D’Innocenzo tra coraggio e sregolatezza

favolacce film

“Quanto segue è ispirato ad una storia vera. La storia vera è una storia falsa. La storia falsa non è molto ispirata”. L’incipit, non solo pubblicitario, di “Favolacce” di Fabio e Damiano D’Innocenzo racchiude in sé i pregi e i difetti dell’opera seconda dei due fratellacci romani.

Continua a leggere

Alice e il sindaco di Nicolas Pariser: recensione film francese

alice e il sindaco

Recensione di Alice e il sindaco di Nicolas Pariser, film disponibile su Amazon Prime Video. “Sono anni che non penso più”. Il potere delle idee, le idee al potere. Si può fare politica con la testa vuota, andando avanti per inerzia, come una macchina senza benzina su una strada leggermente inclinata? Il sindaco Paul Theraneau (Fabrice Luchini) è arrivato ad […]

Continua a leggere

7500: paura ad alta quota con Joseph Gordon-Levitt

7500 film su amazon prime video

“7500” è una scarica ansiogena di adrenalina pura, che coinvolge e spaventa, dichiarando, sin dalla prima sequenza, il proprio intento di denuncia sulla tanto sbandierata sicurezza pubblica. Terrore e terrorismo s’incuneano subito nelle pieghe del film e all’istante ci fanno percepire un robusto magone alla bocca dello stomaco.

Continua a leggere

I predatori di Pietro Castellitto: la rabbia giovane – recensione

i predatori film castellitto

Anarchico, cinico, disincantato. L’esordio alla regia del giovanissimo Pietro Castellitto è un film che ha l’ambizione di voler essere ricordato. Ha un’ansia da prestazione evidente, ma riesce a gestirla bene, inanellando una serie di personaggi e situazioni che hanno del grottesco.

Continua a leggere

Easy Living – La vita facile di Orso e Peter Miyakawa: recensione

easy living

Viviamo circondati da confini: geografici, fisici, morali, spirituali. Ma cosa accade quando proviamo a oltrepassarli, infrangerli, guardando oltre il nostro ombelico, la nostra frontiera? “Easy Living – La vita facile” dei fratelli Orso e Peter Miyakawa è un piccolo film che mette in dialogo tre solitudini per permettere ad una quarta di non essere più tale.

Continua a leggere

Richard Jewell di Clint Eastwood: sbatti l’eroe in prima pagina

Richard Jewell

Dopo “Invictus”, “J.Edgar”, “American Sniper”, “Sully” e “Ore 15:17 – Attacco al treno”, un nuovo ritratto in quella fitta galleria di persone/personaggi che contraddistingue la filmografia dell’ultimo decennio, da regista, di Clint Eastwood.

Continua a leggere

Tenet di Christopher Nolan: tanta (insulsa) action e zero cuore

Tenet

C’è poco da (voler) capire e (voler) comprendere di Tenet. Il “cosa” è semplice: un agente speciale si muove avanti e indietro nel tempo per evitare una probabile nuova guerra mondiale. Complicato, forse inutilmente, è il “come”: Christopher Nolan lascia a briglia sciolta la cerebralità che da sempre contraddistingue il suo cinema.

Continua a leggere

Wife of a Spy di Kiyoshi Kurosawa: recensione film Venezia 77

Wife of a Spy di Kiyoshi Kurosawa

Recensione di Wife of a Spy di Kiyoshi Kurosawa. Scritta da Vanessa Forte. Vincitore del Leone d’Argento alla regia all’ultimo Festival del Cinema di Venezia, Kiyoshi Kurosawa ci porta, come suggerisce il titolo, Wife of a Spy, in una spy story melodrammatica dove una coppia combatte per restare fedele al proprio reciproco amore. Giappone, Città di Kobe, 1940. Siamo alla […]

Continua a leggere

Bu zhi bu xiu di Wang Jing: recensione film in Orizzonti Venezia 77

Bu zhi bu xiu

Recensione di Bu zhi bu xiu di Wang Jing. Scritta da Vanessa Forte. In concorso nella sezione Orizzonti della 77esima Mostra del Cinema di Venezia, Bu zhi bu xiu è l’opera prima del regista Wang Jing, che è stato varie volte aiuto regista di Jia Zhang-ke, tra i più grandi cineasti cinesi contemporanei. Pechino, 2003. Dopo l’epidemia di Sars e […]

Continua a leggere
1 2 3 4 36