La prima linea: una fuga d’amore e terrorismo

la prima linea film de maria

Correva l’anno 2003 quando Marco Bellocchio scioccò il cinema italiano con Buongiorno, notte, nel quale narrava il caso Moro prendendo il punto di vista dei brigatisti, in particolare di Anna Laura Braghetti, al cui libro Il prigioniero s’ispirò per sceneggiare il film. Nello stesso filone, allo stesso tempo impegnativo ed esposto a polemiche, s’inserisce La prima linea di Renato De […]

Continua a leggere

Nottetempo: troppe lacune narrative per l’esordio noir di Francesco Prisco

Ogni genere ha le proprie peculiarità e difficoltà. Il noir è senza dubbio quello più difficile da sviluppare e infrangere. E certi paletti, estetici o contenutistici, non si possono spostare o rimuovere facilmente. L’esordio cinematografico di Francesco Prisco, Nottetempo, cerca con coraggio l’approccio ad un noir sentimentale, di personaggi sospesi tra odio e redenzione, fallimento e riscatto, rimpianto e ossessione. […]

Continua a leggere

La mafia uccide solo d’estate: Pif stupisce tra risate ed emozione

la mafia uccide solo d'estate film

La mafia uccide solo d’estate, ma rovina e distrugge la vita della gente tutto l’anno. E ostacola l’amore. Il film d’esordio di Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, nota maschera di Mtv, ha il merito di concentrarsi sul risvolto sociale e quotidiano di un fenomeno che, se non siamo siciliani, rischiamo di avvertire solo mediato dalla televisione e dai giornali. Pif […]

Continua a leggere

L’ intervallo. L’innocenza reclusa di Totò e Veronica

Napoli. Il carretto passava e quell’uomo gridava granite. Ma quell’uomo, nel fisico ma non nell’età, Salvatore, non fece il suo consueto “mestiere” quel giorno. Accadde tutto un dì imprecisato in cui si ritrovò, controvoglia, ma senza possibilità di scelta, a fare da carceriere a Veronica, quindicenne ribelle colpevole di uno sgarbo al mafiosetto del quartiere. Una giornata da passare insieme […]

Continua a leggere
1 2 3 4