Il ponte delle spie: Schindler nella Guerra Fredda (di oggi)

il ponte delle spie tom hanks

Il ponte delle spie di Spielberg è uno dei film più importanti del 2015, denso di cinema, moralità e senso civile in un’epoca, la nostra, in cui non ne respiriamo mai abbastanza. “Ogni uomo è importante”. È con questa frase che il personaggio dell’avvocato James B. Donovan indossa i panni del nuovo Schindler, perfettamente a suo agio, attuale e necessario […]

Continua a leggere

Oggi insieme domani anche: l’amore partecipato.

oggi insieme domani anche film partecipato

L’amore fa guerra agli idioti. L’amore è una puttana. L’amore fa bene alla gente. Questi alcuni versi presi in ordine sparso dalla canzone L’amore fa di Ivano fossati. Versi che inquadrano l’ampiezza, la versatilità e l’unicità del sentimento amoroso. Allo stesso modo di Oggi insieme domani anche, il docu-film partecipato curato, ideato e prodotto da Antonietta De Lillo. Un’indagine sull’amore […]

Continua a leggere

Il Club – El Club, i preti pedofili di Pablo Larrain

Il Club El club di Pablo Larrain

Il Club (El Club) di Pablo Larrain è un film che sfonda. Sfonda lo schermo e sfonda la sensibilità dello spettatore. Al centro il più taciuto dei tabù: i preti pedofili. Pablo Larrain è un regista più unico che raro. Che avesse personalità da vendere ce ne siamo accorti sin da Tony Manero (2008). La conferma è arrivata con Post Mortem […]

Continua a leggere

Sangue del mio sangue: l’atto di forza di Bellocchio

Sangue del mio sangue film bellocchio

Sangue del mio sangue di Marco Bellocchio è un film nelle cui vene non scorre niente, né vita né cinema. Incolore, insapore e vacuo, il sangue del ventitreesimo film di Bellocchio non scorre e non si coagula verso la foce di un risultato filmico sconclusionato, anonimo, che lascia sconcertati e interdetti. In molti lo definirebbero semplicemente: “brutto”. O almeno questo […]

Continua a leggere

Kreuzweg – Le stazioni della fede, la recensione

Kreuzweg Le stazioni della fede

Quattordici capitoli come le quattordici stazioni della Via Crucis. E ogni capitolo di Kreuzweg – Le stazioni della fede è un unico piano-sequenza (per di più quasi tutti a macchina fissa), come uno sguardo puntato ed estasiato dalla vista di un santo. Di film sulle esagerazioni e le storture della religione ne ricordiamo vari, tra cui Lourdes di Jessica Hausner […]

Continua a leggere

Suburra: Roma kaput mundi – recensione

Suburra locandina film Stefano Sollima

Suburra di Stefano Sollima: tra cinema di genere e Mafia Capitale, piangi Roma… Partiamo dalla fine del film. Da quella dedica: “a mio padre”. Stefano Sollima dedica Suburra al papà Sergio (morto il 1 luglio 2015). E questo già dice molto del suo film. Non solo un omaggio e un saluto “pubblico” dal figlio al padre, ma una sorta di […]

Continua a leggere

Ritorno alla vita, ma non al Cinema, di Wim Wenders.

Ritorno alla vita Wenders

Ritorno alla vita: Wim Wenders non convince con questo suo ritorno al cinema di finzione. E la prova di James Franco e Charlotte Gainsbourg fa peggio che meglio. Every Thing Will Be Fine. Andrà tutto bene. Una frase che ripetiamo come un mantra ogni volta che qualcosa ci preoccupa, per confortare e far coraggio a noi stessi o ad un amico. […]

Continua a leggere

Ti guardo di Lorenzo Vigas: il (primo) Leone d’Oro al Venezuela

Ti guardo - Desde allà film

È arrivato come un fulmine a ciel sereno quel Leone d’Oro a Ti guardo (Desde allà) di Lorenzo Vigas alla 72esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Un premio al miglior film che ha lasciato tutti di stucco, per di più ad un’opera prima e per la prima volta assoluta ad un film prodotto e realizzato in Venezuela. Ma […]

Continua a leggere

Anomalisa di Charlie Kaufman e Duke Johnson: la recensione

Anomalisa di Charlie Kaufman

Quando un fertile sceneggiatore come Charlie Kaufman, coadiuvato alla regia da Duke Johnson, finalmente libero da problemi di budget, decide di dedicarsi per due anni alla realizzazione di un cartone animato, ci si aspetta che si scateni un incendio che illumini lo schermo. In effetti è così. Ma, sorprendentemente, il risultato è controllato, semplice, in fondo classico. Anomalisa è un’“anomalia” […]

Continua a leggere

Francofonia di Aleksandr Sokurov, la recensione

Francofonia di Sokurov

Francofonia: la Storia e l’Arte. La Storia raccontata, accaduta, immaginata. L’Arte osservata, eterna, che prende vita. Francofonia di Aleksandr Sokurov era senza dubbio il film più atteso alla 72esima Mostra del Cinema di Venezia. E il regista russo, pur con un opera diversa da quella che ci si aspettava (ci si immaginava qualcosa di simile al celeberrimo Arca russa), non […]

Continua a leggere

Un mostro dalle mille teste di Rodrigo Plà: la recensione

Un mostro dalle mille teste

Rodrigo Plà è senza dubbio il massimo che il cinema contemporaneo made in Uruguay possa offrirci. Passato sotto le luci della ribalta con La zona (2007), nel 2012 il suo The Delay è stato scelto come portabandiera dell’Uruguay per ambire all’Oscar come Miglior Film Straniero. Nel 2015 approda al 72esimo Festival di Venezia, nelle file della sezione Orizzonti, con Un […]

Continua a leggere

Il Clan di Pablo Trapero: la recensione

Il Clan di Pablo Trapero

La famiglia è la famiglia. E il clan è il clan. Il silenzio e la fedeltà prima di tutto, anche quando è una vera e propria associazione a delinquere. Dove la salvezza di uno è la vita per tutti, dove il tradimento di uno è la morte per tutti. Pablo Trapero, trent’anni dopo i fatti realmente accaduti, porta in Concorso […]

Continua a leggere

The Lobster: The Grand Lanthimos Hotel.

the lobster film

Single di tutto il mondo, in che animale vorreste trasformarvi, o forse reincarnarvi, se non riusciste a trovare l’anima gemella in questa vita? Pensateci bene, perché se dovesse capitarvi d’essere trasferiti al The Grand Lobster Hotel di Giorgos Lanthimos, è il caso di avere le idee chiare sin da subito. Premio della Giuria (presieduta dai fratelli Coen) al Festival di […]

Continua a leggere

Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet: la recensione

lo straordinario viaggio di ts spivet

Se Fievel conquistava il West, Spivet conquista l’East e gli spettatori. Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet di Jean-Pierre Jeunet, regista de Il favoloso mondo di Amelie, è una perla di divertimento, colori, sentimenti. Il regista francese lascia la madrepatria Francia per sbarcare, anzi ritornare, a Hollywood (c’era già stato nel 1997 per girare Alien – La clonazione) e condurci […]

Continua a leggere

The Tribe: ritorno al cinema (sordo)muto.

the tribe film sordomuti

Ci sono esperienze cinematografiche più uniche che rare. The Tribe di Miroslav Slaboshpitsky è una di queste. Interamente girato nella lingua dei segni, senza sottotitoli e senza voice over, senza parole e senza dialoghi, è lo sconvolgente esordio di un regista ucraino classe 1974. Un’opera gigantesca, mai vista prima, che riporta il cinema alle sue origini (al cinema muto) e […]

Continua a leggere

Youth – La giovinezza di Paolo Sorrentino: la recensione

youth la giovinezza di paolo sorrentino

Recensione di Youth – La giovinezza di Paolo Sorrentino. La grande bellezza è stato un faro accecante nella notte buia, un’esplosione di stile, un’opera d’arte totale che metteva da parte la narratività liberando il campo al pensiero per immagini, qualcosa capace di puntare altissimo e raggiungere quel punto siderale. L’Oscar come Miglior Film Straniero 2014 suggella la grandezza di quel […]

Continua a leggere

Il racconto dei racconti di Matteo Garrone: la recensione

il racconto dei racconti

Non esistono fiabe non cruente. Tutte le fiabe provengono dalla profondità del sangue e dell’angoscia. (Franz Kafka) Il grande potere delle fiabe, di tutte le fiabe, sta nel raccontarci la verità del reale tramite l’accattivante maschera del fantastico. Le fiabe ci guardano dentro, parlano di noi, dei nostri desideri, dubbi, sentimenti. Ma lo fanno senza la pesante coltre della realtà […]

Continua a leggere

Una nuova amica di Francois Ozon: la recensione

una nuova amica film

Dopo Nella casa (2012) e Giovane e bella (2013), Francois Ozon prosegue la sua indagine sul desiderio arrivando a creare una sorta di trilogia che, in Una nuova amica, trova il suo suggello, il risultato più riuscito, stratificato, maturo. Dal desiderio/piacere di guardare (ed essere guardati) al desiderio di fare sesso per puro piacere al desiderio più intimo e sottaciuto […]

Continua a leggere

Second chance, la second life di Susanne Bier.

second chance film danese

I gatti hanno 7 vite. E Susanne Bier. Con Second Chance se ne gioca una. E se la gioca bene. Nel 2010 Susanne Bier è arrivata sul tetto del cinema vincendo l’Oscar per il Miglior Film Straniero con il bellissimo In un mondo migliore. Poi è cominciata la crisi con la sterile commediola Love is all you need. Il tracollo […]

Continua a leggere

Mia madre: Nanni Moretti e l’inadeguatezza (di tutti noi)

mia madre di nanni moretti

“Tutti pensano che io sia capace di capire quello che succede, di interpretare la realtà, ma io non capisco più niente.” (Margherita) Il caimano, Habemus Papam, Mia madre: la trilogia morettiana dell’inadeguatezza. Nel primo di un uomo ridicolo nella vita privata e nel lavoro, nell’affrontare un amore finito e nel dirigere un film su Berlusconi che non sente suo. Nel […]

Continua a leggere
1 4 5 6 7 8 13