Silence di Martin Scorsese: il silenzio degli innocenti (noi!)

Ci tengo a dire subito che sono consapevole di quanto questo mio pezzo suonerà impopolare, perché il mio giudizio su Silence è impopolare. Acclamato da un esercito di critici come un capolavoro, ho letto su Facebook di persone e amici che hanno continuato a pensare al film anche svariati giorni dopo la visione. Ecco a me non è successo, o […]

Continua a leggere

È solo la fine del mondo, aspettando Dolan

juste la fin du monde

Xavier Dolan ha fatto dell’eccesso il suo biglietto da visita, sin dall’esordio, sin dai titoli dei suoi film. Si pensi appunto al debutto J’ai tué ma mère (Ho ucciso mia madre), così come all’ultimo È solo la fine del mondo, premiato a Cannes 2016 con un telefonato Grand Prix Speciale della Giuria, frutto di un copione già scritto e da […]

Continua a leggere

Rogue One – A Star Wars Story: ecco perchè non mi è piaciuto. [spoiler]

rogue one star wars

N.B.: tutto quello che leggerete è scritto a malincuore. Correva l’anno 1977 quando nelle sale di tutto il mondo uscì il primo Star Wars, passato poi alla storia come Star Wars IV – Una nuova speranza. A 40 anni di distanza, dopo la trilogia originale (IV, V e VI), la trilogia prequel (I-II-III) e il recentissimo Episodio VII – Il […]

Continua a leggere

Neruda di Pablo Larrain: caccia al Pablo

neruda pablo larrain

Pablo Larrain continua ad indagare il suo Cile. Se con i precedenti Tony Manero (2008), Post Mortem (2010), No – I giorni dell’arcobaleno (2012) e Il club (2015) affrontava e ripercorreva i nodi della sua terra natia in modo potremmo dire “indiretto”, passando tramite la mediazione di un personaggio (più) comune (in Post Mortem la personalità di Allende è solo […]

Continua a leggere

Fai bei sogni: Bellocchio e i suoi fantasmi

fai bei sogni film

C’è una strana e tragica affinità elettiva che lega Marco Bellocchio e Massimo Gramellini, l’autore dell’omonimo libro da cui è tratto Fai bei sogni: la morte di un genitore in tenera età. All’età di nove anni Gramellini perde la madre, all’età di diciassette Bellocchio perde il padre. Deve essere stato anche questo triste e doloroso sentimento ad aver stretto l’uno […]

Continua a leggere

Cafè Society: una camomilla per il signor Allen, grazie

cafè society film

Cafè Society è il 47esimo film di Woody Allen da quel lontano 1966 quando debuttò con Che fai, rubi? (What’s Up, Tiger Lily?). Alla veneranda età di quasi 81 anni il caustico regista newyorkese non si è ancora stancato di scrivere e dirigere film (tanto da sfornarne uno all’anno). Anche se c’è da dire che la pensione sarebbe salutare (anche) […]

Continua a leggere

Fuocoammare di Gianfranco Rosi: Oscarammare?

fuocoammare

Parlare solo ora di Fuocoammare di Gianfranco Rosi, a oltre sette mesi di distanza dall’Orso d’Oro al Festival di Berlino e dalla sua ufficiale uscita nelle sale italiane, è un argomento inscindibile dal fatto che sia stato scelto come candidato italiano agli Oscar 2017. La domanda è lapalissiana: perché? Perché scegliere proprio Fuocoammare? Ma soprattutto: perché farsi del male così? […]

Continua a leggere

Florence: Meryl Streep (in)canta.

florence foster jenkins film

La bellezza sta nell’orecchio di chi ascolta. Se poi sottobanco passa di mano anche una piccola bustarella, allora tutto sembra ancor più intonato. È quello che ha fatto negli anni Quaranta l’attore e manager teatrale St. Clair Bayfield per far sembrare agli occhi del mondo la moglie ed ereditiera newyorkese Florence Foster Jenkins, donna d’indubbie limitate qualità canore, una cantante […]

Continua a leggere

Demolition – Amare e vivere, la recensione

demolition

“Se vuoi aggiustare qualcosa, devi smontare tutto e capire cos’è importante. Così ti renderà più forte”. Ma come si fa ad aggiustare un cuore? Demolition – Amare e vivere di Jean-Marc Vallée è un film che colpisce basso sin dalla prima sequenza, un’opera che cerca di guardarci dentro, facendoci un po’ male e un po’ riflettere su come si possono […]

Continua a leggere

Hacksaw Ridge di Mel Gibson: la recensione

hacksaw ridge

Bisogna ammettere che Mel Gibson è coraggioso. Approdato fuori concorso alla 73esima Mostra del Cinema di Venezia, presenta il suo quinto lungometraggio: Hacksaw Ridge. E’ la storia di Desmond T. Doss, un Andrew Garfield perfetto nell’unire gentilezza e risoluzione, nei panni di un soldato volontario che si rifiuta di imbracciare il fucile. Subirà così prima l’ostruzionismo dell’esercito. Poi, dopo aver […]

Continua a leggere

Animali notturni (Nocturnal Animals) di Tom Ford: la recensione

noctural animals animali notturni

A sette anni  da A Single Man, in concorso alla 73esima Mostra del Cinema di Venezia, torna l’attesissimo Tom Ford con la sua seconda opera di cui è regista, sceneggiatore e produttore. Un’opera incentrata nuovamente sulla solitudine esistenziale. Tratto dal romanzo di Austin Wright Tony & Susan, Animali notturni (Nocturnal Animals) è un’opera complessa disposta su più piani, dove il […]

Continua a leggere

On the Milky Road di Emir Kusturica: la recensione

on the milky road

Sono passati otto anni dall’ultimo film di Emir Kusturica. Si trattava del suo Maradona, uscito praticamente in contemporanea col mediocre Promettilo!. Otto anni non sono pochi. Anni in cui il regista serbo ha cercato una nuova chiave per il suo ultimo sforzo creativo, On the Milky Road, presentato in Concorso al 73esimo Festival di Venezia. Una chiave trovata marcando come […]

Continua a leggere

Voyage of Time: National GeoMalick.

Un “antipasto” ce lo aveva dato in The Tree of Life. Ora con Voyage of Time Terrence Malick dedica un film intero alla creazione del mondo, della vita, cavalcando le creste del tempo. Un viaggio al centro della terra che si fa viaggio al centro del cinema tramite immagini di una bellezza sconvolgente, dove il tempo si ferma e quasi […]

Continua a leggere

Jackie di Pablo Larrain: la recensione

C’è una scena in Jackie di Pablo Larrain che è sineddoche e icona della grandezza di tutto il film (e del cinema del regista cileno): Jackie (Natalie Portman) sale in auto per avviare il corteo funebre, la mdp la riprende in primo piano e sul riflesso del finestrino vediamo tutto il popolo accorso per la triste occasione “prelevato” da immagini […]

Continua a leggere

Arrival di Denis Villeneuve: incontri ravvicinati di un nuovo tipo.

arrival villeneuve

Chi siamo, dove andiamo, da dove veniamo. Noi, gli uomini. Chi sono, dove vanno, da dove vengono. Loro, gli alieni. Arrival di Denis Villeneuve è un film di fantascienza “ribaltato”, che col pretesto degli alieni parla degli uomini, di noi uomini. E questo punto di novità già vale il prezzo del biglietto di un film assolutamente atipico nel genere, un […]

Continua a leggere

Fiore, il cinema italiano fuori dalla reclusione

fiore film

È ufficiale: il cinema italiano è uscito dalla reclusione. Nell’ultima annata cinematografica lo hanno dimostrato Alaska di Claudio Cupellini, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti, Veloce come il vento di Matteo Rovere. Un’ulteriore conferma arriva da Fiore di Claudio Giovannesi, che ha battuto un colpo molto forte anche all’ultimo Festival di Cannes, nella sezione Quinzaine des Realisateurs. Fiore, nomen […]

Continua a leggere

Cane mangia cane di Paul Schrader, la recensione

Cane mangia cane dog eat dog film

That’s entertainment. Nothing else. Potrebbe essere questo il titolo di chiusura di Cane mangia cane di Paul Schrader, presentato in calce alla Quinzane del Festival di Cannes 2016. Un film violento, sboccato, splatterone, che vuole farci ridere (talvolta sbellicare dalle risate) portando a galla tutto il lercio che si nasconde nell’uomo, in questo caso tragi-comicamente rappresentato da un trio di […]

Continua a leggere

Il Cliente di Asghar Farhadi: la recensione

Il Cliente film

Il regista iraniano Asghar Farhadi è uno dei re Mida del cinema internazionale. Tutti i film a cui mette mano, si trasformano in premio. Nel 2009 con About Elly ha vinto l’Orso d’Argento per la Miglior Regia al Festival di Berlino, nel 2012 con Una separazione ha vinto l’Orso d’Oro a Berlino ma soprattutto l’Oscar come Miglior Film straniero, nel […]

Continua a leggere

Un padre, una figlia (Bacalaureat) di Cristian Mungiu: recensione

Un padre, una figlia (Bacalaureat)

Cristian Mungiu non ha certo bisogno di diplomi per dirsi un regista maturo. Il suo cv cinematografico parla da solo. Soprattutto la dice lunga su come sia amato dal Festival di Cannes: Palma d’Oro nel 2007 con 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni, Miglior sceneggiatura e migliori attrici nel 2012 con Oltre le colline. Fresco fresco di premio è anche […]

Continua a leggere

La pazza gioia, Virzì il mago.

la pazza gioia film

Dieci minuti d’applausi al Festival di Cannes, un tamtam pubblicitario non indifferente, l’attesa per un regista molto amato dal pubblico italiano. Insomma, come per magia (o pazzia?) Paolo Virzì ha nuovamente attratto su di sé le attenzioni del cinema italiano e non solo. Ma La pazza gioia è davvero quel gran filmone come molti hanno detto? Lasciamo fare il trionfo […]

Continua a leggere
1 2 3 4 5 6 12