Un padre, una figlia (Bacalaureat) di Cristian Mungiu: recensione

Un padre, una figlia (Bacalaureat)

Cristian Mungiu non ha certo bisogno di diplomi per dirsi un regista maturo. Il suo cv cinematografico parla da solo. Soprattutto la dice lunga su come sia amato dal Festival di Cannes: Palma d’Oro nel 2007 con 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni, Miglior sceneggiatura e migliori attrici nel 2012 con Oltre le colline. Fresco fresco di premio è anche […]

Continua a leggere

Era d’estate di Fiorella Infascelli: la recensione

era d estate fiorella infascelli

La scuola delle Annales di Febvre e Bloch c’ha insegnato che sotto alla Storia delle grandi date, dei grandi eventi e dei grandi personaggi pubblici scorre, sottotraccia, anche la storia più intima delle persone. E che anch’essa concorre a rassodare e dissodare la Storia. Era d’estate di Fiorella Infascelli in un certo senso sposa gli approcci della nouvelle histoire, mostrandoci, […]

Continua a leggere

Le confessioni: segreti (e scherzi) da prete

le confessioni toni servillo

Ci sono segreti inconfessabili. Segreti (e verità) da portare nella tomba. Ci sono segreti che, forse, non si possono confessare neppure ad un sacerdote. Pur coscienti del segreto della confessione, garanzia di riserbo assoluto, come un muro invalicabile, una cassaforte senza chiave. Ma in cassaforte, come in banca, forse non sempre conviene mettere tutto. Talvolta è meglio tenere qualcosa sotto […]

Continua a leggere

Zona d’ombra, la recensione

Zona d'ombra Will Smith

Recensione del film Concussion – Zona d’ombra, sorta di anomalo biopic su un “illustre sconosciuto”: il dottor Bennet Omalu. Ad interpretarlo uno statuario Will Smith, grande escluso alla corsa agli Oscar 2016 nella categoria Miglior attore protagonista. Ci sono eroi che passano in sordina. Eroi che faticano a spiccare. Che non salgono agli onori della cronaca, se non quelli di […]

Continua a leggere

Veloce come il vento: la recensione

Veloce come il vento

Non ricordo grossi film italiani sulle auto da corsa. E questo è già il primo pregio di Veloce come il vento di Matteo Rovere. Di essere diverso, inusuale, e per questo originale nel panorama del cinema made in Italy.  Nella patria dei circuiti di Imola e di Monza, della Ferrari e della Lamborghini, Veloce come il vento ci sta come […]

Continua a leggere

La macchinazione: in morte del profeta Pasolini

la macchinazione

“In verità vi dico che uno di voi mi tradirà. Colui che ha intinto con me la mano nel piatto mi tradirà”. C’è qualcosa di cristologico nel Pasolini interpretato da Massimo Ranieri nell’atteso La macchinazione di David Grieco. Ed è chiaro sin dai titoli d’inizio, da quello schizzo/affresco a carboncino di una feroce fustigazione ai danni di una vittima appesa […]

Continua a leggere

La grande scommessa: cinema fraudolento

La grande scommessa

La grande scommessa è un film per spettatori masochisti. O desiderosi di sapere e capire, dipende dai punti di vista. Certo è che si esce di sala col mal di testa, frastornati, coscienti di (non) aver capito quello che speravamo di capire. Ed è qui che il film diretto da Adam McKay riesce nel suo intento: metterci davanti all’evidenza, alla […]

Continua a leggere

Carol di Todd Haynes: l’amore noioso

Lo si aspettava come i bambini aspettano con ansia febbrile il Natale. E dopo tanta attesa, con leopardiano senno di poi, lo si è vissuto come i grandi vivono il Natale: con (in)sofferenza, boria, vacuità. Carol è un film che lascia poco, come un bel pacchetto ma vuoto. Insomma, un pacco, doppio pacco e contropaccotto. Carol è come una sigaretta, […]

Continua a leggere

Revenant – Redivivo: i veri redivivi (dal film) siamo noi

revenant redivivo

Revenant – Redivivo è uno di quei film la cui fama è arrivata prima dell’opera. Una fama che si è trasformata in somma strategia pubblicitaria. Si è parlato di uno dei film più costosi e complessi degli ultimi anni (se non della storia del cinema), di difficoltà produttive che hanno quasi mandato tutto a monte, di un DiCaprio che ha […]

Continua a leggere

La corrispondenza di Tornatore: l’amore, oggi, e altrove

la corrispondenza tornatore

Tutto ha inizio in medias res, durante un bacio appassionato, l’ultimo bacio, un bacio d’addio tra due folli amanti e innamorati fugaci, di rincorsa, che si vedono ogni abisso di tempo e si amano per poco ma come pochi. Dunque l’amore, un amore intenso quello che Tornatore senza preavviso ci sbatte in faccia sin dalla sequenza d’apertura. Un amore che […]

Continua a leggere

Il ponte delle spie: Schindler nella Guerra Fredda (di oggi)

il ponte delle spie tom hanks

Il ponte delle spie di Spielberg è uno dei film più importanti del 2015, denso di cinema, moralità e senso civile in un’epoca, la nostra, in cui non ne respiriamo mai abbastanza. “Ogni uomo è importante”. È con questa frase che il personaggio dell’avvocato James B. Donovan indossa i panni del nuovo Schindler, perfettamente a suo agio, attuale e necessario […]

Continua a leggere

Alaska di Claudio Cupellini: la recensione

alaska di claudio cupellini

Alaska di Claudio Cupellini è un melò urbano e modernissimo, con un passo più francese che italiano. E questo forse basterebbe per apprezzare il tentativo (riuscito) di fare un film fuori dagli schemi nostrani. Alaska di Claudio Cupellini è un melò in pieno stile, una storia d’amore tirata e disperata sospesa tra Parigi, Milano e l’Alaska, anche se quest’ultima è […]

Continua a leggere

In fondo al bosco di Stefano Lodovichi, la recensione

in fondo al bosco film

In fondo al bosco di Stefano Lodovichi è un interessante ibrido di generi e di genere, che sa accentuare il potere del cinema partendo dalla realtà, da un mixage di casi di cronaca nera. In fondo al bosco prende spunto e raccoglie in sé i più eclatanti casi di cronaca nera italiana: c’è qualcosa della Franzoni di Cogne, qualcosa delle […]

Continua a leggere

La legge del mercato di Stéphane Brizé: recensione

la legge del mercato film

Vincitore del premio per il Miglior Attore (Vincent Lindon) al Festival di Cannes 2015, La legge del mercato è un’amarissima fotografia del mondo del lavoro, oggi, all’età di cinquant’anni. La legge del mercato, si sa, è spietata. È una legge cieca, che mette tutti contro tutti, dove mors tua vita mea, dove la denuncia del tuo sgarro è per me […]

Continua a leggere

Mea culpa: Fred Cavayé tra thriller e polar

Mea culpa film

Mea culpa di Fred Cavaye, con Vincent Lindon e Gilles Lellouche, è un polar mascherato da thriller e viceversa, un film palpitante che cede qualcosa all’action, con un finale assolutamente notevole. Mea culpa è innanzitutto un film di grande intrattenimento, un’ora e mezzo di pura adrenalina, in continua (rin)corsa, fuga, inseguimento. Un thrillerone assolutamente generoso nei confronti di uno spettatore […]

Continua a leggere

Freeheld – Amore, giustizia, uguaglianza: la recensione

freeheld film

Freeheld – Amore, giustizia, uguaglianza di Peter Sollett, con Julianne Moore e Ellen Page, ha sin da subito, prima che ci sediamo sulla poltroncina, quattro validi elementi che inquadrano la sua possibilità di riuscita. Dallo sceneggiatore di Philadelphia (1993). Questo ci dice immediatamente il trailer del film. E questo già ci basta come mezza garanzia di qualità. Se a questo […]

Continua a leggere

Disorder – La guardia del corpo (Maryland) di Alice Winocour: recensione

Disorder - La guardia del corpo - Maryland

Disorder – La guardia del corpo (Maryland) di Alice Winocour, presentato nella sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes 2015, è un buon thriller che sa lavorare sulle atmosfere e sui personaggi. Ma gli manca qualcosa, purtroppo… Maryland. Disorder. Disordine mentale, materiale, sentimentale dei due protagonisti. Il primo è Vincent (Matthias Schoenaerts), soldato francese delle Forze Speciali appena rientrato […]

Continua a leggere

Il Club – El Club, i preti pedofili di Pablo Larrain

Il Club El club di Pablo Larrain

Il Club (El Club) di Pablo Larrain è un film che sfonda. Sfonda lo schermo e sfonda la sensibilità dello spettatore. Al centro il più taciuto dei tabù: i preti pedofili. Pablo Larrain è un regista più unico che raro. Che avesse personalità da vendere ce ne siamo accorti sin da Tony Manero (2008). La conferma è arrivata con Post Mortem […]

Continua a leggere

Sangue del mio sangue: l’atto di forza di Bellocchio

Sangue del mio sangue film bellocchio

Sangue del mio sangue di Marco Bellocchio è un film nelle cui vene non scorre niente, né vita né cinema. Incolore, insapore e vacuo, il sangue del ventitreesimo film di Bellocchio non scorre e non si coagula verso la foce di un risultato filmico sconclusionato, anonimo, che lascia sconcertati e interdetti. In molti lo definirebbero semplicemente: “brutto”. O almeno questo […]

Continua a leggere

Kreuzweg – Le stazioni della fede, la recensione

Kreuzweg Le stazioni della fede

Quattordici capitoli come le quattordici stazioni della Via Crucis. E ogni capitolo di Kreuzweg – Le stazioni della fede è un unico piano-sequenza (per di più quasi tutti a macchina fissa), come uno sguardo puntato ed estasiato dalla vista di un santo. Di film sulle esagerazioni e le storture della religione ne ricordiamo vari, tra cui Lourdes di Jessica Hausner […]

Continua a leggere
1 3 4 5 6 7 13