Hannah di Andrea Pallaoro: recensione

hannah andrea pallaoro

Scritto da Vanessa Forte. Avete mai posseduto un bicchiere di vetro infrangibile? Cadono e ricadono ma, pur con qualche graffio, resistono. Fino a quando non sono colpiti con la giusta angolazione. Allora letteralmente esplodono. Hannah di Andrea Pallaoro è un bicchiere di vetro infrangibile. Dopo aver esordito con Medeas proprio in laguna, nella sezione Orizzonti 2013, Andrea Pallaoro è tornato […]

Continua a leggere

Charley Thompson (Lean on Pete) di Andrew Haigh: la recensione

Charley Thompson - Lean on pete

Scritto da Vanessa Forte. Quando sul grande schermo si ha a che fare con i cavalli, è sempre bene tenere a portata di mano un pacchetto di kleneex. Vedere Charley Thompson (Lean on Pete) di Andrew Haigh per credere. Charley Thompson (Charlie Plummer) è un quindicenne che aspira ad una vita normale, fatta di casa, spesa, scuola, sport. Colmo di questa […]

Continua a leggere

Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli: recensione

nico 1988

Scritto da Biancamaria Majorana. Una voce profonda, inquietante, ipnotica ha inaugurato la sezione Orizzonti del 74esimo Festival di Venezia. La voce della “regina delle tenebre”, Christa Päffge, meglio nota al mondo (musicale e non solo) come Nico. A portarla sul grande schermo è la regista italiana Susanna Nicchiarelli con Nico, 1988, film coraggioso, girato e scritto in lingua inglese. Ma […]

Continua a leggere

Sole Cuore Amore, l’Italia in insufficienza cardiaca

sole cuore amore film

Non si può lavorare da morire, e ancor peggio non si può morire di lavoro. È questo il fulcro di Sole Cuore Amore di Daniele Vicari, un film che sferra un duro colpo alla pancia del mondo del lavoro nell’Italia di oggi. Un film che prima ti stringe a sé, come un abbraccio di chi è in cerca di conforto […]

Continua a leggere

Le Ardenne, fratelli coltelli nel Belgio più nero

le ardenne film belgio

Candidato del Belgio all’Oscar come Miglior film straniero nel 2017, Le Ardenne dell’esordiente Robin Pront è un debutto che sa come farsi notare, ma allo stesso tempo artificiale e artificioso sia nella regia che nella sceneggiatura. Il plot s’incentra sul più classico triangolo amoroso in cui due fratelli amano la stessa donna, interpretata dalla sensuale ed enigmatica Veerle Baetens (Alabama […]

Continua a leggere

Camp X-Ray: soldato Kristen Stewart in amore a Guantanamo Bay

camp x-ray

Il grande cinema non si è ancora mai avventurato nel documentare o raccontare cosa accade a Guantanamo. È stato fatto in veri modi per ciò che riguardava Bin Laden (si veda Zero Dark Thirty) o per ciò che riguarda l’Islam di oggi. Ma non per le brutalità che hanno luogo a Guantanamo. A provare a squarciare un pochino questo velo […]

Continua a leggere

I figli della notte: il fantasma del (grande) film che non è

i figli della notte andrea de sica recensione

I figli della notte sembra un film attraversato da fantasmi, anche se i protagonisti lo solcano in carne e ossa. Anzi, forse è esso stesso il fantasma di sè, di quel film che poteva essere ma non è. I figli della notte di Andrea De Sica, nipote di Vittorio De Sica, è un esordio che sa rimanere attaccato allo spettatore, […]

Continua a leggere

Fortunata di Sergio Castellitto: la recensione

fortunata

Una giovane madre fa la parrucchiera a domicilio, sgobbando tutti i giorni tutto il giorno col desiderio e la speranza di aprire un negozio tutto suo, dove non sarà più lei a salire le scale, ma saranno gli altri a scenderle. E questo personaggio già basta per affezionarsi a Fortunata, il nuovo film di Sergio Castellitto. Poi c’è uno psicologo […]

Continua a leggere

La ragazza del mondo di Marco Danieli: recensione

la ragazza del mondo

La ragazza del mondo di Marco Danieli è bel cinema italiano, anzi è bel cinema giovane italiano. Quindi vale di più. Perché fa ben sperare per le sorti della settima arte nostrana e di un giovane autore che con passo deciso ma non invadente apre il polmoni del grande schermo made in Italy. La ragazza del mondo è un film […]

Continua a leggere

La tenerezza di Gianni Amelio, affetti speciali e affinità elettive

la tenerezza di gianni amelio

“Dice un poeta arabo che la felicità non è una meta da raggiungere, ma una casa a cui tornare. Tornare, non andare. Non avanti quindi, ma dietro.” È grande cinema italiano La tenerezza di Gianni Amelio. Un film che avrebbe meritato la vetrina di un Festival di Cannes o di Venezia. Un regista, Amelio, che dopo l’inspiegabile e imbarazzante tonfo […]

Continua a leggere

Planetarium, Rebecca degli spiriti (del cinema)

planetarium film

Di certo non si può dire che la giovanissima Rebecca Zlotowski, classe 1980, non abbia della personalità dietro la macchina da presa. La sua regia ha del carattere, è quasi definita psicologicamente, i movimenti di macchina, relazionati ad una buona direzione degli attori, hanno sempre un perché. E anche qualcosa di misterioso, se non a tratti dell’ipnotico. Ma tutto ciò, […]

Continua a leggere

Il dolore esige di essere vissuto: 5 film per un’afflizione imperiale

un'afflizione imperiale film tristi

Il dolore esige di essere vissuto. È questa la frase cardine del romanzo Un’afflizione imperiale di Peter Van Houten letto, riletto, amato e idolatrato da Hazel e Augustus, i due giovani protagonisti del film Colpa delle stelle di Josh Boone, adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di John Green. Una frase che sta a significare come i momenti dolorosi, nella vita, non […]

Continua a leggere

Il diritto di contare di Theodore Melfi: recensione

il diritto di contare

“Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità”. Queste le parole di Neil Armstrong, primo uomo a mettere piede sulla Luna. Ma senza le “figure nascoste”, che danno il titolo originale al nuovo film di Theodore Melfi, gli Stati Uniti forse non avrebbero vinto la corsa allo Spazio e forse la Storia avrebbe avuto un “passo” diverso. Siamo […]

Continua a leggere

Manchester by the sea: la recensione

manchester by the sea

Casey Affleck, alla sua prima nomination all’Oscar come miglior attore, ha agguantato subito la statuetta con balzo felino. E nel complesso è un premio meritato, anche perché la sua prova è metafora e incarnazione di tutta l’aura climatica che avvolge Manchester by the sea di Kenneth Lonergan. Un film che racconta, semplicemente, e scusate se è poco, la vita. E […]

Continua a leggere

Moonlight di Barry Jenkins, una luce nell’America più nera

moonlight film barry jenkins

Moonlight del giovane Barry Jenkins è il film outsider e astro luminoso della notte degli Oscar 2017, dove è in corsa per ben otto statuette. Dopo essere passato ai festival di Telluride, Toronto e New York, ha aperto tra gli applausi l’ultima Festa del Cinema di Roma. Insomma, un film acclamato nelle kermesse di mezzo mondo, di qua e di […]

Continua a leggere

Silence di Martin Scorsese: il silenzio degli innocenti (noi!)

Ci tengo a dire subito che sono consapevole di quanto questo mio pezzo suonerà impopolare, perché il mio giudizio su Silence è impopolare. Acclamato da un esercito di critici come un capolavoro, ho letto su Facebook di persone e amici che hanno continuato a pensare al film anche svariati giorni dopo la visione. Ecco a me non è successo, o […]

Continua a leggere

Dopo l’amore, i separati in casa di Joachim Lafosse

dopo l'amore film

Separati in casa. Missione (im)possibile? È quanto si domanda il regista Joachim Lafosse nel suo ultimo film, Dopo l’amore. Titolo per la versione italiana tra il romantico e il melodrammatico, che rende poca giustizia al ben più eloquente titolo originale L’économie du couple (L’economia della coppia). Perché di questo, con l’asciuttezza tipica dei conti finanziari, tratta il film. Cosa accade […]

Continua a leggere

Allied – Un’ombra nascosta: la rinascita di Zemeckis

allied un'ombra nascosta

Allied – Un’ombra nascosta segna il grande, inaspettato, ritorno di Robert Zemeckis. Dopo oltre dieci anni di parabola sempre più discendente e scarna di personalità, con film in computer grafica come Polar Express (2004), La leggenda di Beowulf (2007)e A Christmas Carol (2009), seguiti da pellicole più “reali” ma deludenti come Flight (2012) e The Walk (2015), il regista statunitense […]

Continua a leggere

È solo la fine del mondo, aspettando Dolan

juste la fin du monde

Xavier Dolan ha fatto dell’eccesso il suo biglietto da visita, sin dall’esordio, sin dai titoli dei suoi film. Si pensi appunto al debutto J’ai tué ma mère (Ho ucciso mia madre), così come all’ultimo È solo la fine del mondo, premiato a Cannes 2016 con un telefonato Grand Prix Speciale della Giuria, frutto di un copione già scritto e da […]

Continua a leggere

Neruda di Pablo Larrain: caccia al Pablo

neruda pablo larrain

Pablo Larrain continua ad indagare il suo Cile. Se con i precedenti Tony Manero (2008), Post Mortem (2010), No – I giorni dell’arcobaleno (2012) e Il club (2015) affrontava e ripercorreva i nodi della sua terra natia in modo potremmo dire “indiretto”, passando tramite la mediazione di un personaggio (più) comune (in Post Mortem la personalità di Allende è solo […]

Continua a leggere
1 2 3 4 5 6 14