Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza.

a pigeon sat on a branch reflecting on existence

Chiusura in tono minore per la trilogia sulla vita e la morte di Roy Andersson. Dopo Songs from the second floor (2000) e You, the living (2007), a distanza di altri sette anni è il turno di A pigeon sat on a branch reflecting on existence. Per chi ha visto i primi due “capitoli”, Andersson ripropone la solita estetica: interni […]

Continua a leggere

She’s funny that way: Bogdanovich touch

She’s funny that way Bogdanovich

E’ strano e significativo come ancora oggi una brillante commedia degli equivoci, condita di incomprensioni e un po’ di sano slapstick, possa divertire un pubblico esigente ed eterogeneo. Bogdanovich ne è perfettamente cosciente e con She’s funny that way tira fuori dal cilindro una carinissima comedy che stupisce per brio e semplicità. Un intreccio di personaggi che non dovrebbero mai […]

Continua a leggere

Mammuth: Depardieu va in pensione

mammuth film depardieu

Il dramma della pensione. Ebbene sì, quel momento tanto desiderato per anni può inaspettatamente trasformarsi in un incubo. O almeno così è in Mammuth per Serge, il quale, dopo aver lavorato tutta la vita, senza mai un giorno d’assenza, si ritrova nullafacente e con la briga di dover attraversare in lungo e in largo la regione per ritrovare i documenti […]

Continua a leggere

Chef – La ricetta perfetta: Twitter food alla Jon Favreau

chef film cucina

IronChef. Nell’era di MasterChef e Hell’s Kitchen, Jon Favreau porta tra i fornelli il brio e il ritmo dei suoi due Iron Man per regalarci una pietanza cinematografica davvero stuzzicante. Chef è un piatto prelibato, che mischia con giusta misura e gusto i migliori ingredienti sul mercato: risate, bella sceneggiatura e un rapporto padre-figlio che non guasta mai. Come dessert […]

Continua a leggere

Mai così vicini: non ho l’età…

mai così vicini film

E vissero vicini e contenti. Il lieto fine è d’obbligo in ogni comedy del cupido Rob Reiner, anche se questa volta un pizzico di cinismo in più ci poteva stare. Mai così vicini è una love story tra sessagenari: Oren è un misantropo di prima categoria, uno Scrooge in giacca e cravatta magnate del mondo immobiliare, con un cuore apparentemente […]

Continua a leggere

Non dico altro: un grande James Gandolfini | recensione film

non dico altro recensione film gandolfini

Recensione del film Non dico altro con James Gandolfini. Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace. Quindi ciò che a me non piace, può piacere a te. Ma cosa succede se tu ti fai influenzare dai miei cattivi giudizi su ciò che a te sta incominciando a piacere? Da questo incontro di opposti nasce […]

Continua a leggere

The Big Wedding: vecchie glorie alla riscossa (?)

The Big Wedding robert de niro

Qualche giorno fa qualcuno ha chiesto a Kevin Costner (59 anni) perché si è messo a fare la pubblicità del tonno Riomare. La risposta è stata: “Così posso produrmi i film che Hollywood rifiuta di fare”. Robert De Niro, invece, ai suoi splendidi 70 anni, da un po’ di tempo si è messo a fare filmacci nel genere commedia (Last […]

Continua a leggere

The Grand Budapest Hotel: un trionfo di stile, colori e avventura

La più bella fuga da Alcatraz, e dalla realtà, degli ultimi anni. The Grand Budapest Hotel è un incanto per i nostri occhi e per il cinema tutto. Wes Anderson ci regala senza dubbio il suo film più riuscito, massima espressione di uno dei registi più originali e registicamente definiti dal Duemila ad oggi. Una regia così inconfondibile è riscontrabile […]

Continua a leggere

Gigolò per caso: vecchio, stravecchio, praticamente defunto…

woody allen e john turturro nel film Gigolò per caso

Furba mossa commerciale quella di Woody Allen e John Turturro di scambiarsi i ruoli di regista e attore per spronare la gente ad andare al cinema. L’appeal sta tutto nel ritorno davanti alla macchina da presa di Allen in un film non suo, o meglio non dichiaratamente suo. Perché Gigolò per caso è per molti aspetti, in toni e umori, […]

Continua a leggere

La sedia della felicità: l’insostenibile leggerezza di Mazzacurati

Valerio Mastandrea e Isabella Ragonese in La sedia della felicità

L’insostenibile leggerezza di Carlo Mazzacurati. La sedia della felicità, volente o nolente film-testamento di un regista del quale già sentiamo e sentiremo la mancanza, è manifesto di un tocco cinematografico che raramente potremo ritrovare nel cinema italiano prossimo venturo. Un’opera strampalata, sognante, così assurda da poter essere solo amata proprio per questo suo collocarsi al di fuori della realtà comune. […]

Continua a leggere

Ti sposo ma non troppo: la commedia degli equivoci funziona sempre…

Gabriele Pignotta e Vanessa Incontrada mangiano un panino

Da Plauto a Shakespeare, da Goldoni ai giorni nostri, la commedia degli equivoci ha sempre funzionato. E Gabriele Pignotta segue questa scia infallibile per il suo esordio cinematografico Ti sposo ma non troppo, una pura comedy of errors tratta dall’omonima pièce teatrale da lui scritta, diretta e interpretata con grande successo di pubblico. Andrea (Vanessa Incontrada) viene lasciata il giorno delle […]

Continua a leggere

La mossa del pinguino: non è la solita stupida commedia italiana…

Edoardo Leo nel film La mossa del pinguino

Il pregiudizio e l’aspettativa sono i peggiori mali che possiamo covare quando andiamo a vedere un film. Nel caso de La mossa del pinguino l’aspettativa è un virus scongiurato, poiché di fronte ad un esordio possiamo aspettarci di tutto, in genere il meglio. Il pregiudizio invece è quasi inevitabile di fronte al debutto dell’ormai cinquantenne Claudio Amendola, senza dubbio uno […]

Continua a leggere

Tutto sua madre: Guillaume Gallienne, lui sì che capisce le donne…

Tutto sua madre con Guillaume Gallienne

Tale madre tale figlio. E se è vero che di mamma ce n’è una sola, Guillaume Gallienne se n’è impossessato fino alla venerazione, all’idolatria, alla mimesis totale. Tanto da portarla lui stesso sul grande schermo con una genuinità che schiva il caricaturale. Una vicenda autobiografica delicata e paradossale portata prima sulle assi del palcoscenico e poi nelle sale cinematografiche. Risultato: […]

Continua a leggere

La mafia uccide solo d’estate: Pif stupisce tra risate ed emozione

la mafia uccide solo d'estate film

La mafia uccide solo d’estate, ma rovina e distrugge la vita della gente tutto l’anno. E ostacola l’amore. Il film d’esordio di Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, nota maschera di Mtv, ha il merito di concentrarsi sul risvolto sociale e quotidiano di un fenomeno che, se non siamo siciliani, rischiamo di avvertire solo mediato dalla televisione e dai giornali. Pif […]

Continua a leggere

Sole a catinelle: l’ottimismo a colazione di Checco Zalone | recensione

checco zalone che mangia fragole in sole a catinelle

Recensione di Sole a catinelle, il migliore dei film della “premiata ditta” Checco Zalone-Gennaro Nunziante. Dopo Cado dalle nubi (2009) e Che bella giornata (2011), con Sole a catinelle si chiude la trilogia delle “commedie metereologiche” del celebre comico pugliese, che si aggiudica definitivamente l’etichetta di re Mida del cinema italiano (da blockbuster). Zalone rende possibile l’impossibile, ovvero superare la […]

Continua a leggere

Viva la libertà, il film che la sinistra italiana dovrebbe vedere!

Toni Servillo nel film Viva la libertà

“C’è del metodo nella sua follia”. La battuta del fido portaborse Andrea Bottini (Valerio Mastandrea) affonda le radici nel teatro e nella letteratura di ieri e di oggi. Matto ma furbo, pazzo ma ragionevole ad un tempo, lo è stato l’Enrico IV di Pirandello, così come l’Amleto di Shakespeare. Anche nel caso di Viva la libertà di Roberto Andò il […]

Continua a leggere

Quartet: l’esordio alla regia di Dustin Hoffman

scena dal film Quartet di Dustin Hoffman

Se è vero che il tempo porta consiglio, allora Dustin Hoffman ha fatto bene ad aspettare il compimento del 75esimo anno di età per debuttare alla regia, e il consiglio ha dato buoni frutti. Perché Quartet è una godibile melodia filmica, elegante e composta, dal bel portamento e mai pacchiana. In scena ripicche e sgambetti, rimpianti e (vecchi) amori di […]

Continua a leggere

Hotel Transylvania: festa e divertimento alla corte di Dracula

Su TripAdvisor non si trova. Ma solo perché non è destinato ad ospitare umani, ma mostri. Un rifugio sicuro per tutte quelle creature mutanti e spaventose in carne, ossa, gelatina, pelo, ecc. che abitano nel più cupo e brividoso immaginario collettivo. Sto parlando dell’ Hotel Transylvania, ultima creazione della Sony Animation. Un film d’animazione che diverte i grandi e fa […]

Continua a leggere

TED, troppo Coccolino per il creatore dei Griffin

Chi si aspettava che Ted fosse un film a dir poco politically uncorrect, rimarrà deluso. Perché l’opera prima per il cinema del creatore dei Griffin, Seth MacFarlane, non punge, non graffia, è tanto rumore per nulla. E così, invece d’essere impregnato d’acido muriatico, il pupazzo vivente scivola nel Coccolino. Ma andiamo con ordine. Lo spunto di base ha dell’apprezzabile: il […]

Continua a leggere

Gli Infedeli: gli uomini, che mascalzoni…

“Che idea? Ma quale idea?” canta Pino D’Angio nella canzone sussurrata in apertura da Jean Dujardin con fare sorridente da bello impossibile. Quale idea (fissa)? Quella dell’infedeltà, del tradimento, del sesso. E’ un pallino, una malattia per gli uomini. Questo il comun denominatore de Gli Infedeli, opera francaise a 7 mani che ci propone un riuscito spaccato del “pensiero dominante” […]

Continua a leggere
1 2 3 4 5 6