La sedia della felicità: l’insostenibile leggerezza di Mazzacurati

Valerio Mastandrea e Isabella Ragonese in La sedia della felicità

L’insostenibile leggerezza di Carlo Mazzacurati. La sedia della felicità, volente o nolente film-testamento di un regista del quale già sentiamo e sentiremo la mancanza, è manifesto di un tocco cinematografico che raramente potremo ritrovare nel cinema italiano prossimo venturo. Un’opera strampalata, sognante, così assurda da poter essere solo amata proprio per questo suo collocarsi al di fuori della realtà comune. […]

Continua a leggere

Ti sposo ma non troppo: la commedia degli equivoci funziona sempre…

Gabriele Pignotta e Vanessa Incontrada mangiano un panino

Da Plauto a Shakespeare, da Goldoni ai giorni nostri, la commedia degli equivoci ha sempre funzionato. E Gabriele Pignotta segue questa scia infallibile per il suo esordio cinematografico Ti sposo ma non troppo, una pura comedy of errors tratta dall’omonima pièce teatrale da lui scritta, diretta e interpretata con grande successo di pubblico. Andrea (Vanessa Incontrada) viene lasciata il giorno delle […]

Continua a leggere

La mossa del pinguino: non è la solita stupida commedia italiana…

Edoardo Leo nel film La mossa del pinguino

Il pregiudizio e l’aspettativa sono i peggiori mali che possiamo covare quando andiamo a vedere un film. Nel caso de La mossa del pinguino l’aspettativa è un virus scongiurato, poiché di fronte ad un esordio possiamo aspettarci di tutto, in genere il meglio. Il pregiudizio invece è quasi inevitabile di fronte al debutto dell’ormai cinquantenne Claudio Amendola, senza dubbio uno […]

Continua a leggere

Bianco di Roberto Di Vito: viaggio al centro della mente

uomo legato al letto dal film Bianco di Roberto Di Vito

Un uomo bendato, imbavagliato e legato ad una brandina. Una stanza isolata alla periferia di una città. Un rapimento sbagliato che dà la possibilità al rapito di scavare in se stesso, di parlare con sé. Esordio al lungometraggio di Roberto Di Vito, cineasta sin dall’adolescenza e collaboratore, tra i tanti, di Nanni Moretti e Dario Argento, Bianco, rielaborazione di un […]

Continua a leggere

Una domenica notte: l’Italia non è un paese per cineasti

Una domenica notte film

In gioventù Antonio Colucci ha girato un solo film, un horror, distribuito in homevideo solo in Germania. Quanto basta per meritarsi in paese, nel sud lucano, l’epiteto di “regista”, se non (gratuitamente) di “maestro”. Una passione mai sopita, quella del cinema, che a quarantasei anni torna a galla con una nuova idea, un nuovo film dal titolo vagamente trash e […]

Continua a leggere

La mafia uccide solo d’estate: Pif stupisce tra risate ed emozione

la mafia uccide solo d'estate film

La mafia uccide solo d’estate, ma rovina e distrugge la vita della gente tutto l’anno. E ostacola l’amore. Il film d’esordio di Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, nota maschera di Mtv, ha il merito di concentrarsi sul risvolto sociale e quotidiano di un fenomeno che, se non siamo siciliani, rischiamo di avvertire solo mediato dalla televisione e dai giornali. Pif […]

Continua a leggere

Sole a catinelle: l’ottimismo a colazione di Checco Zalone | recensione

checco zalone che mangia fragole in sole a catinelle

Recensione di Sole a catinelle, il migliore dei film della “premiata ditta” Checco Zalone-Gennaro Nunziante. Dopo Cado dalle nubi (2009) e Che bella giornata (2011), con Sole a catinelle si chiude la trilogia delle “commedie metereologiche” del celebre comico pugliese, che si aggiudica definitivamente l’etichetta di re Mida del cinema italiano (da blockbuster). Zalone rende possibile l’impossibile, ovvero superare la […]

Continua a leggere

L’ intrepido: il tonfo clamoroso di un regista irriconoscibile

l'intrepido film con antonio albanese

Un film per intrepidi. O incoscienti. Non sono proprio sinonimi, ma questa volta forse sì. Intrepido è un intenso Antonio Albanese nel caricarsi sulle spalle l’onere di un film così sfuggente, inconsistente, incerto. Intrepido è Gianni Amelio nel tornare al cinema con un’opera che pare il frutto (acerbo) di un impacciato esordiente. Intrepido è stato Alberto Barbera nel suo volere […]

Continua a leggere

Via Castellana Bandiera: autoscontro da applausi

film via castellana bandiera

Donne al volante, pericolo costante. Soprattutto se hanno la capa tosta, le corna dure e sono le arcigne e veraci Rosa e Samira di Via Castellana Bandiera, esordio cinematografico di Emma Dante, primo dei tre film italiani in concorso a Venezia 70. Il vecchio contro il nuovo, una scalcinata Punto rossa contro una polverosa Multipla blu. Ma non c’è distanza […]

Continua a leggere

Noi non siamo come James Bond

noi non siamo come james bond

Di James Bond ce n’è stato uno solo: Sean Connery. Così la pensano Mario e Guido, amici da una vita, spesa tra gioie e dolori, malattia e rinascita, nell’aspirazione di un mito incarnato in tre cifre: 007. Sentirsi come lui, credersi come lui. Una piacevole illusione che è veicolo per mostrarsi, per i due, in controcanto, nelle proprie più intime […]

Continua a leggere

La grande bellezza: il vero capolavoro di Paolo Sorrentino

toni servillo ride e fuma ballando la colita in La grande bellezza

E’ tutto sedimentato sotto il chiacchiericcio e il rumore, il silenzio e il sentimento, l’emozione e la paura… Gli sparuti incostanti sprazzi di bellezza. E poi lo squallore disgraziato e l’uomo miserabile.” Pochi versi per una sorta di poesia crepuscolare che impasta e addensa, con marcate allitterazioni, concetti sferzanti e vaghi, che alludono al vuoto e al pieno della vita, […]

Continua a leggere

Viaggio sola: Hotel Tognazzi a 2 stelle

Margherita Buy che beve il thè nel film Viaggio Sola

Meglio soli che male accompagnati. Sembra essere questo il motto di Irene (Margherita Buy) per il suo lavoro, i suoi viaggi, la sua vita. Quarant’anni senza pensieri, senza figli a carico né mariti a rimorchio. Un’esistenza apparentemente a cinque stelle, in business class. Ma quanto questo senso di libertà è sinonimo di solitudine? Da questa classicheggiante ma bella idea nasce […]

Continua a leggere

Circuito chiuso: valido mockumentary made in Italy

film horror circuito chiuso

Il mockumentary è quel genere cinematografico nel quale ci viene proposto un falso documentario, ovvero eventi fittizi realizzati ad arte e presentati, o forse sarebbe meglio dire venduti, come reali. Un filone che sul grande schermo ha visto incarnazioni di successo nei molteplici episodi di Paranormal Activity e Rec, e ancor prima in cult come Cloverfield e The Blair Witch […]

Continua a leggere

Tutto parla di te: le mamme interrotte di Alina Marazzi

donna col passeggino dal film Tutto parla di te

E’ la sua voce, quella della regista, quella di Alina Marazzi, ad aprire il proprio esordio al lungometraggio di finzione Tutto parla di te. E’ lei a parlare dietro la maschera di una madre confinata, ma non dimenticata, in uno di quei nastri registrati che si tengono in soffitta. Alina Marazzi donna, figlia, mamma. Ed è proprio quest’ultima evoluzione femminile, […]

Continua a leggere

Aquadro: l’esordio “al quadrato” di Stefano Lodovichi

disegno spray su vetrata nel film aquadro di lodovichi

“La prima volta non si scorda mai”. Questo il sottotitolo di Aquadro, film d’esordio del giovanissimo Stefano Lodovichi, vincitore del premio Miglior lungometraggio italiano al RIFF 2013. E mai frase fatta e così banale fu più adatta per definire un debutto che non cancelleremo facilmente dalla nostra mente di spettatori. Perché Aquadro stupisce dall’inizio alla fine, sotto molteplici punti di […]

Continua a leggere

Vietato Morire: sfocato docu-dramma sull’eroina

rapper nero dal film Vietato morire

Vietato morire è un ordine, un imperativo non scritto della vita, di chiunque venga al mondo. O almeno è vietato morire per mano propria, di quel suicidio (in)volontario e non legalizzato che è la droga, in questo caso particolare l’eroina. Il giovane Teo Takahashi ci racconta quattro storie di chi, a vivere, ce la fa o non ce la fa, […]

Continua a leggere

Viva la libertà, il film che la sinistra italiana dovrebbe vedere!

Toni Servillo nel film Viva la libertà

“C’è del metodo nella sua follia”. La battuta del fido portaborse Andrea Bottini (Valerio Mastandrea) affonda le radici nel teatro e nella letteratura di ieri e di oggi. Matto ma furbo, pazzo ma ragionevole ad un tempo, lo è stato l’Enrico IV di Pirandello, così come l’Amleto di Shakespeare. Anche nel caso di Viva la libertà di Roberto Andò il […]

Continua a leggere

Fukushame. Tra fantasmi e vergogne di un Giappone perduto

occhio col simbolo del nucleare

Potentissimo, una bomba atomica e ad orologeria. E’ Fukushame, impavido documentario di Alessandro Tesei che ci conduce, furtivi e (non) autorizzati, nella “No go zone” a pochi chilometri dalla nipponica centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi rimasta danneggiata l’11 marzo 2011 in seguito ad un violentissimo maremoto. Accediamo così ad un mondo spettrale di mugolanti cani ripudiati e pecoroni impazziti, scheletri […]

Continua a leggere

Il caimano: riflessioni a margine di uno spettatore recidivo…

il caimano

Quanto segue non è una recensione, ma “solo” una breve riflessione sul film dopo averlo rivisto – e sarà la terza o quarta volta – qualche sera fa in tv … Il caimano, ovvero la tragedia di un uomo ridicolo. Ma chi: Bruno Bonomo o Silvio Berlusconi? E’ su questo doppio binario, tra cinema e vita, fiction e (triste) realtà, […]

Continua a leggere

Milleunanotte. Storie e volti dietro le sbarre

Un titolo da fiaba, ma una fiaba non è. E non c’è la bella principessa Shahrazàd a raccontarci novelle come nella nota raccolta orientale. Milleunanotte di Marco Santarelli ci scorta nel cupo e claustrofobico penitenziario Dozza di Bologna, il carcere con più detenuti stranieri d’Italia e un (sovr)affollamento quasi tre volte superiore alla sua regolamentare capienza. Presentato nella sezione “Prospettive […]

Continua a leggere
1 4 5 6 7 8