Anime nere: in fondo al lato più oscuro dell’uomo.

anime nere film sulla ndrangheta

Recensione di Anime nere di Francesco Munzi. Anime nere non è un film sulla ndrangheta. Ma anche un film sulla ndrangheta. A ben vedere, infatti, è primariamente un film sull’animo umano, sulle sue piaghe e pieghe più scure, quelle dove cova il dolore, il rancore, il rimorso, il ricordo. Dove la luce del sole è sconosciuta, dove non c’è redenzione […]

Continua a leggere

Italy in a day: selfie di un giorno da italiani

italy in a day

L’Italia in un giorno: il 26 ottobre 2013. Sorta di spin-off nazionale del gigantista Life in a day di Kevin Macdonald, il social film montato da Gabriele Salvatores restituisce un’interessante spaccato sugli italiani, più che sull’Italia, di oggi. Il primo tratto distintivo di Italy in a day è proprio questo, ovvero il fatto che siamo di fronte ad un film […]

Continua a leggere

La buca: stavolta Ciprì non fa centro

Sergio Castellitto e Rocco Papaleo film La Buca

Per Daniele Ciprì, alla sua seconda volta da regista senza la storica spalla Franco Maresco, La buca forma con E’ stato il figlio (2012) una sorta di “dittico del risarcimento”. Anche stavolta al centro il tema del denaro e un “riscatto” allo stesso tempo economico e sociale per due personaggi disperati e soli, uno misantropo e l’altro bisognoso d’affetto. Di […]

Continua a leggere

Senza nessuna pietà: recensione film

senza nessuna pietà film

Non è da tutti esordire al lungometraggio, a nemmeno 35 anni, con un noir. Michele Alhaique ha la presunzione e il pelo sullo stomaco per farlo. Ma il rischio, qualunque sia la dose di coraggio impiegata, è altissimo. Senza nessuna pietà corre questo rischio, pensa di poter camminare sull’acqua e invece, pur non annegando, annaspa un po’. Il soggetto è […]

Continua a leggere

Hungry hearts: i matti da sfamare di Saverio Costanzo | recensione film

hungry hearts recensione film

Recensione del film Hungry Hearts di Saverio Costanzo con Adam Driver e Alba Rohrwacher. Stay hungry, stay foolish. I protagonisti di Hungry hearts sembrano aver preso alla lettera l’insegnamento di Steve Jobs. Perché il nuovo bel film di Saverio Costanzo è un dramma della fame e della pazzia. Mina (Alba Rohrwacher) e Jude (Adam Driver) si amano. Lei è vegana, […]

Continua a leggere

I nostri ragazzi: la difficoltà d’essere genitori

i nostri ragazzi film

Che cosa faremmo noi al posto di Paolo e Clara, Massimo e Sofia, genitori i cui figli hanno ucciso una persona? Li denunceremmo o, coscienti di celare una tragica verità, li proteggeremmo? I nostri ragazzi di Ivano De Matteo è un film che ci guarda e fruga dentro, che ci spinge a indossare i panni dei quattro adulti protagonisti, divisi […]

Continua a leggere

La prima linea: una fuga d’amore e terrorismo

la prima linea film de maria

Correva l’anno 2003 quando Marco Bellocchio scioccò il cinema italiano con Buongiorno, notte, nel quale narrava il caso Moro prendendo il punto di vista dei brigatisti, in particolare di Anna Laura Braghetti, al cui libro Il prigioniero s’ispirò per sceneggiare il film. Nello stesso filone, allo stesso tempo impegnativo ed esposto a polemiche, s’inserisce La prima linea di Renato De […]

Continua a leggere

Cha cha cha: zoppicante noir per Marco Risi | recensione film

Cha Cha Cha film noir Argentero

Recensione del film Cha cha cha di Marco Risi con Luca Argentero e Eva Herzigova. Fra tutti i generi cinematografici, il noir è probabilmente il più difficile, quello per il quale ogni elemento deve essere calibrato al millimetro. Non vige la legge cerchiobottista del “poggio e buca”. Spin-off del giallo, il noir prevede una dimensione d’inchiesta, un’ambientazione urbana, forti contrasti […]

Continua a leggere

L’ultima ruota del carro: l’esame di maturità di Giovanni Veronesi

L'Ultima Ruota del Carro germano mastronardi

C’è un momento nella carriera di un regista in cui si sente il bisogno di dimostrare di che pasta si è fatti. Per Giovanni Veronesi quel momento è L’ultima ruota del carro. Dopo una collana di manuali d’amore e piacevoli filmetti su genitori e figli, il regista toscano ci consegna l’opera della maturità. L’ultima ruota del carro pesca nella massa […]

Continua a leggere

Il venditore di medicine: tenere lontano dalla portata dei bambini

il venditore di medicine

Il venditore di medicine di Antonio Morabito è un film che spaventa. Siamo sicuri che l’antibiotico che il nostro medico di fiducia ci prescrive sia il migliore per noi? O è solo quello che le case farmaceutiche gli dicono di “spingere” di più? Questa è una delle tante domande che il film ci pone. Il venditore di medicine è un […]

Continua a leggere

Le meraviglie: Alice Rohrwacher e il mito della caverna

le meraviglie film

“Vuoi costruire un muro intorno a lei?” domanda Cocò a Wolfgang riguardo la primogenita Gelsomina, piccola donna costretta a vivere e patire il proprio mito della caverna. Il padre l’ha confinata in un mondo piccolo, rustico, rurale, che vive nella luce accecante della natura e nel buio pesto della civiltà. Gelsomina e le sue sorelle vedono davanti a sé solo […]

Continua a leggere

Nottetempo: troppe lacune narrative per l’esordio noir di Francesco Prisco

Ogni genere ha le proprie peculiarità e difficoltà. Il noir è senza dubbio quello più difficile da sviluppare e infrangere. E certi paletti, estetici o contenutistici, non si possono spostare o rimuovere facilmente. L’esordio cinematografico di Francesco Prisco, Nottetempo, cerca con coraggio l’approccio ad un noir sentimentale, di personaggi sospesi tra odio e redenzione, fallimento e riscatto, rimpianto e ossessione. […]

Continua a leggere

Il mondo fino in fondo: l’ottimo esordio di Alessandro Lunardelli

Filippo Schicchitano e Luca Marinelli nel film Il mondo fino in fondo

Ogni tanto vengono fuori film che ti fanno credere che il cinema italiano ha ancora qualche piccolo asso nella manica. Il mondo fino in fondo di Alessandro Lunardelli è uno di questi film. E sapere che è un esordio fa ben sperare per un futuro radioso, del regista e del nostro cinema. Ebbene sì, sappiamo ancora raccontare storie, storie semplici […]

Continua a leggere

La sedia della felicità: l’insostenibile leggerezza di Mazzacurati

Valerio Mastandrea e Isabella Ragonese in La sedia della felicità

L’insostenibile leggerezza di Carlo Mazzacurati. La sedia della felicità, volente o nolente film-testamento di un regista del quale già sentiamo e sentiremo la mancanza, è manifesto di un tocco cinematografico che raramente potremo ritrovare nel cinema italiano prossimo venturo. Un’opera strampalata, sognante, così assurda da poter essere solo amata proprio per questo suo collocarsi al di fuori della realtà comune. […]

Continua a leggere

Ti sposo ma non troppo: la commedia degli equivoci funziona sempre…

Gabriele Pignotta e Vanessa Incontrada mangiano un panino

Da Plauto a Shakespeare, da Goldoni ai giorni nostri, la commedia degli equivoci ha sempre funzionato. E Gabriele Pignotta segue questa scia infallibile per il suo esordio cinematografico Ti sposo ma non troppo, una pura comedy of errors tratta dall’omonima pièce teatrale da lui scritta, diretta e interpretata con grande successo di pubblico. Andrea (Vanessa Incontrada) viene lasciata il giorno delle […]

Continua a leggere

La mossa del pinguino: non è la solita stupida commedia italiana…

Edoardo Leo nel film La mossa del pinguino

Il pregiudizio e l’aspettativa sono i peggiori mali che possiamo covare quando andiamo a vedere un film. Nel caso de La mossa del pinguino l’aspettativa è un virus scongiurato, poiché di fronte ad un esordio possiamo aspettarci di tutto, in genere il meglio. Il pregiudizio invece è quasi inevitabile di fronte al debutto dell’ormai cinquantenne Claudio Amendola, senza dubbio uno […]

Continua a leggere

Bianco di Roberto Di Vito: viaggio al centro della mente

uomo legato al letto dal film Bianco di Roberto Di Vito

Un uomo bendato, imbavagliato e legato ad una brandina. Una stanza isolata alla periferia di una città. Un rapimento sbagliato che dà la possibilità al rapito di scavare in se stesso, di parlare con sé. Esordio al lungometraggio di Roberto Di Vito, cineasta sin dall’adolescenza e collaboratore, tra i tanti, di Nanni Moretti e Dario Argento, Bianco, rielaborazione di un […]

Continua a leggere

Una domenica notte: l’Italia non è un paese per cineasti

Una domenica notte film

In gioventù Antonio Colucci ha girato un solo film, un horror, distribuito in homevideo solo in Germania. Quanto basta per meritarsi in paese, nel sud lucano, l’epiteto di “regista”, se non (gratuitamente) di “maestro”. Una passione mai sopita, quella del cinema, che a quarantasei anni torna a galla con una nuova idea, un nuovo film dal titolo vagamente trash e […]

Continua a leggere

La mafia uccide solo d’estate: Pif stupisce tra risate ed emozione

la mafia uccide solo d'estate film

La mafia uccide solo d’estate, ma rovina e distrugge la vita della gente tutto l’anno. E ostacola l’amore. Il film d’esordio di Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, nota maschera di Mtv, ha il merito di concentrarsi sul risvolto sociale e quotidiano di un fenomeno che, se non siamo siciliani, rischiamo di avvertire solo mediato dalla televisione e dai giornali. Pif […]

Continua a leggere

Sole a catinelle: l’ottimismo a colazione di Checco Zalone | recensione

checco zalone che mangia fragole in sole a catinelle

Recensione di Sole a catinelle, il migliore dei film della “premiata ditta” Checco Zalone-Gennaro Nunziante. Dopo Cado dalle nubi (2009) e Che bella giornata (2011), con Sole a catinelle si chiude la trilogia delle “commedie metereologiche” del celebre comico pugliese, che si aggiudica definitivamente l’etichetta di re Mida del cinema italiano (da blockbuster). Zalone rende possibile l’impossibile, ovvero superare la […]

Continua a leggere
1 3 4 5 6 7 8