The Shift di Alessandro Tonda: recensione film con Adamo Dionisi

the shift film

Senza dubbio uno dei migliori e (più trascurati) esordi del cinema italiano degli ultimi anni. Teso, efficace, ben scritto e ben diretto, è un debutto che fa ben sperare sia per un cinema italiano meno di cassetta sia per un talento, quello di Tonda, che potrebbe facilmente trovare casa e successo all’estero, se non ben curato in patria.

Continua a leggere

5 anni senza Ettore Scola: la sua eredità in 3 film italiani recenti

Ettore Scola

Cinque anni fa, il 19 gennaio 2016, moriva Ettore Scola, uno dei maestri del cinema italiano. Un regista che ha segnato in modo ampio e profondo il nostro cinema contemporaneo. Il suo retaggio è rintracciabile in modo diretto in tre recenti film italiani: “La grande bellezza” di Sorrentino, “Gli anni più belli” di Muccino e “Notti magiche” di Virzì.

Continua a leggere

Nessun nome nei titoli di coda: recensione documentario

Nessun nome nei titoli di coda

Recensione di Nessun nome nei titoli di coda, documentario su Amazon Prime Video. Le comparse, queste sconosciute! Eppure a pensarci bene, il cinema, senza quelle che in gergo usiamo chiamare comparse, non sarebbe il cinema, anzi proprio in molti casi non esisterebbe. E a gestire il dietro le quinte di questo mare magnum di figuranti, tra i suoi maggiori esponenti […]

Continua a leggere

I predatori di Pietro Castellitto: la rabbia giovane – recensione

i predatori film castellitto

Anarchico, cinico, disincantato. L’esordio alla regia del giovanissimo Pietro Castellitto è un film che ha l’ambizione di voler essere ricordato. Ha un’ansia da prestazione evidente, ma riesce a gestirla bene, inanellando una serie di personaggi e situazioni che hanno del grottesco.

Continua a leggere

Mi chiamo Francesco Totti: il trionfo di un numero 1(0)

Mi chiamo Francesco Totti

Un grande documentario sul calcio e su un calciatore più unico che raro. Il racconto segue un andamento canonico e Totti, come in un lungo flashback, anzi più un rewind, racconta tutta la sua carriera, dai primi calci ad un pallone nel cortile della scuola allo scudetto della Roma, dai mondiali del 2006 al ritiro definitivo dal campo di gioco.

Continua a leggere

Ferro: recensione del documentario su Tiziano Ferro su Prime Video

documentario su tiziano ferro

Il documentario su Tiziano Ferro è un’opera di grande intensità e di grande sentimento, dove l’icona della musica pop si mette a nudo, raccontando tutta la verità su se stesso, sul suo passato, sul coming out riguardo la sua omosessualità (per troppo tempo nascosta al mondo), sulle grandi sofferenze vissute lontano dalle luci della ribalta.

Continua a leggere

Suburra – La serie: recensione della terza stagione

suburra la serie terza stagione

Stagione finale di una serie amatissima tanto quanto, se non di più, la “cugina” “Gomorra”, il terzo giro di giostra di “Suburra” è una conclusione in tono minore, o forse solo meno splendente ed efficace rispetto alle (alte) aspettative. Il confronto con la prima stagione e la seconda è d’obbligo, inevitabile, imprescindibile.

Continua a leggere

Favolacce: i fratelli D’Innocenzo tra coraggio e sregolatezza

favolacce film

“Quanto segue è ispirato ad una storia vera. La storia vera è una storia falsa. La storia falsa non è molto ispirata”. L’incipit, non solo pubblicitario, di “Favolacce” di Fabio e Damiano D’Innocenzo racchiude in sé i pregi e i difetti dell’opera seconda dei due fratellacci romani.

Continua a leggere

Easy Living – La vita facile di Orso e Peter Miyakawa: recensione

easy living

Viviamo circondati da confini: geografici, fisici, morali, spirituali. Ma cosa accade quando proviamo a oltrepassarli, infrangerli, guardando oltre il nostro ombelico, la nostra frontiera? “Easy Living – La vita facile” dei fratelli Orso e Peter Miyakawa è un piccolo film che mette in dialogo tre solitudini per permettere ad una quarta di non essere più tale.

Continua a leggere

Sì di Luca Ferri: recensione cortometraggio in Orizzonti Venezia 77

si luca ferri

Recensione di Sì di Luca Ferri. Scritta da Vanessa Forte. Presentato Fuori Concorso fra i corti della sezione Orizzonti di Venezia 77, Sì di Luca Ferri è un’opera che, come uno scritto di Robert Waiser, dietro un’apparente semplicità nasconde una complessa struttura e un profondo e criptico significato. In un salotto anni ’50, un signore di mezz’età guarda in tv […]

Continua a leggere

Samp di Flavia Mastella e Antonio Rezza: recensione film

Samp

Recensione del film Samp di Flavia Mastella e Antonio Rezza. Scritta da Vanessa Forte. Due geni della teatralità italiana, Leone d’oro alla carriera per il teatro nel 2018, approdano a Venezia 77, all’interno degli eventi speciali delle Giornate degli Autori, per presentare Samp, il loro nuovo lungometraggio. Samp (Antonio Rezza) è uno strano killer che, con un’improbabile giacca fucsia che […]

Continua a leggere

Intervista a Flavia Mastrella e Antonio Rezza per il film Samp

rezza mastrella

Intervista di Vanessa Forte. Presentato nelle Giornate degli Autori nell’ambito della 77esima Mostra del Cinema di Venezia, Samp è il nuovo film della coppia Flavia Mastrella (di seguito FM) e Antonio Rezza (di seguito AR). Li abbiamo incontrati, ecco cosa ci hanno raccontato. Film dissacrante il vostro. Un discorso sull’arte, sul valore delle tradizioni e di come queste vadano rivoluzionate […]

Continua a leggere

Molecole di Andrea Segre: recensione film di preapertura di Venezia 77

molecole di andrea segre

Recensione di Molecole di Andrea Segre. Scritta da Pietro Braccio. Per la pre-apertura della 77esima Mostra del Cinema di Venezia è stato scelto il nuovo film documentario di Andrea Segre, Molecole. E forse non c’era modo migliore per cominciare un’edizione a dir poco atipica, che si svolge in piena pandemia mondiale con nuove regole e svariate restrizioni per i partecipanti. […]

Continua a leggere

Hammamet: l’apatico Bettino Craxi di Gianni Amelio

hammamet film

“Bisogna fare almeno due figli, perché se te ne muore uno, almeno hai l’altro. Restare senza figli è la cosa più atroce”. In questa battuta pronunciata da un Bettino Craxi stanco, affranto, dolorante, senza fiato, interpretato da un gigantesco Pierfrancesco Favino, sta tutto il senso di “Hammamet” di Gianni Amelio.

Continua a leggere

Gli anni più belli: il capolavoro di Gabriele Muccino

gli anni più belli

È bello da far male l’ultimo film di Gabriele Muccino. Ed è, insieme a “Ricordati di me”, anche il film più bello della sua filmografia. Un’opera che s’inserisce perfettamente nel filone della sua produzione made in Italy, ben imperniata intorno ai temi e ai sentimenti di amore e amicizia.

Continua a leggere

La paranza dei bambini: la fine dell’innocenza

la paranza dei bambini

Recensione di La paranza dei bambini di Claudio Giovannesi. Siamo quello che vediamo. E i giovani protagonisti del film di Claudio Giovannesi sono quello che hanno sempre visto: criminali, assassini, truffatori. Vorrebbero continuare a essere bambini, come il titolo stesso dice, una frotta di ragazzetti che corrono appresso alle ragazzine, che giocano all’autoscontro al luna park, che inarcano le labbra […]

Continua a leggere

Tutto il mio folle amore di Gabriele Salvatores: recensione

Tutto il mio folle amore

Se esistessero più registi come Gabriele Salvatores, il cinema italiano sarebbe un “posto” più bello. Questo è poco ma sicuro. E ce ne dà conferma “Tutto il mio folle amore”, che prende le mosse dal romanzo “Se ti abbraccio non aver paura” di Fulvio Ervas.

Continua a leggere

Brutti e cattivi di Cosimo Gomez: la recensione

film Brutti e cattivi

Non è bello quel che è bello, ma è bello quel che piace. “Brutti e cattivi” di Cosimo Gomez non è bello (perché i personaggi sono uno più deforme dell’altro) ma piace, eccome se piace! Una black comedy cattivissima, priva di qualsivoglia redenzione, carica di sadica ironia, paurosa e spassosa allo stesso tempo.

Continua a leggere

5 è il numero perfetto di Igort: recensione del film

5 è il numero perfetto

Tutt’altro che un film perfetto. Pieno di difetti e incertezze, è però l’incarnazione di una delle vie che il cinema italiano dovrebbe percorrere per rinnovarsi, ovvero un cinema di genere che tenda la mano più al Cinema che alla Realtà. Il risultato, però, stavolta, è stonato e anchilosato.

Continua a leggere

Martin Eden: il capolavoro di Pietro Marcello e Luca Marinelli

martin eden con luca marinelli

Per fortuna che ci sono Pietro Marcello e Luca Marinelli. Ce ne vorrebbero di più di registi e attori così, coraggiosi, atipici, ribollenti di arte ed emozioni contrastanti. E per fortuna che c’è “Martin Eden” a dare nuovo ossigeno al cinema italiano. Un film fuori dai canoni a cui ci siamo abituati e assuefatti, dannatamente immaginifico e poeticamente reale.

Continua a leggere
1 2 3 9