Mea culpa: Fred Cavayé tra thriller e polar

Mea culpa film

Mea culpa di Fred Cavaye, con Vincent Lindon e Gilles Lellouche, è un polar mascherato da thriller e viceversa, un film palpitante che cede qualcosa all’action, con un finale assolutamente notevole. Mea culpa è innanzitutto un film di grande intrattenimento, un’ora e mezzo di pura adrenalina, in continua (rin)corsa, fuga, inseguimento. Un thrillerone assolutamente generoso nei confronti di uno spettatore […]

Continua a leggere

Le Caravage: Bartabas, l’uomo che sussurrava ai cavalli

le caravage film cavallo

Le Caravage è l’ultimo lavoro di uno dei maggiori sperimentatori del cinema d’oltralpe: Alain Cavalier. Un documentario intimo, sulle affinità elettive che si instaurano tra un cavallo e il suo addestratore. Il cavallo è il miglior amico dell’uomo. Almeno di Bartabas, regista e coreografo di animali francese. Non il cane, dunque, che nel film vediamo rimanere fuori dalla “casa” del […]

Continua a leggere

Nos femmes: uomini sull’orlo di una crisi di nervi.

nos femmes film francese

Nos femmes di Richard Berry è un nuovo kammerpiel comico di derivazione teatrale intriso di humor e istrionismo francese. Una commedia per tutti, per ridere e fare una piccola riflessione su ciò che è lecito o meno in un’amicizia. Aaaaa le donne! Quante volte avete pensato: “Se continua, la strozzo!”. Ecco, Simon (Thierry Lhermitte), preso da una scatto d’ira e […]

Continua a leggere

Disorder – La guardia del corpo (Maryland) di Alice Winocour: recensione

Disorder - La guardia del corpo - Maryland

Disorder – La guardia del corpo (Maryland) di Alice Winocour, presentato nella sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes 2015, è un buon thriller che sa lavorare sulle atmosfere e sui personaggi. Ma gli manca qualcosa, purtroppo… Maryland. Disorder. Disordine mentale, materiale, sentimentale dei due protagonisti. Il primo è Vincent (Matthias Schoenaerts), soldato francese delle Forze Speciali appena rientrato […]

Continua a leggere

La corte di Christian Vincent: la recensione

L'hermine film francese

La corte è una boccata d’aria fresca. Piccolo, raffinato, divertente, si spoglia dei pretenziosi e spesso manchevoli pseudo-intellettualismi, inevitabili ai Festival, per tornare a quella tradizione che pacifica il pubblico con il buon, anzi ottimo, cinema. La corte è intelligente nel contenuto e nella realizzazione. Ha l’incipit di un legal drama, ma poggia sulle solide fondamenta della commedia francese. Il […]

Continua a leggere

French Connection: la recensione del film

french connection film

Parliamoci chiaro: nel genere “polar” i francesi sono imbattibili. Lo dimostrò in modo inequivocabile nel 2005 quella perla intitolata 36 Quai des Orfèvre di Olivier Marchal, lo conferma dieci anni dopo French Connection (La French) di Cedric Jimenez. French Connection è un solido e palpitante noir-poliziesco, di guardie e ladri, giudici e mafiosi. Sin dalla primissima sequenza in strada si […]

Continua a leggere

Diamante nero: brilla il film di Céline Sciamma.

diamante nero film

“Shine bright like a diamond” canta Rihanna nella sua celebre Diamonds, ballata e interpretata in un’ipnotica sequenza musicale dalle quattro protagoniste di Diamante nero (Bande de filles) di Céline Sciamma. E proprio come un diamante, magari un diamante grezzo, e per questo ancora più pregiato, brilla l’opera terza della giovane regista francese. Diamante nero (Bande de filles) brilla di luce […]

Continua a leggere

Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet: la recensione

lo straordinario viaggio di ts spivet

Se Fievel conquistava il West, Spivet conquista l’East e gli spettatori. Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet di Jean-Pierre Jeunet, regista de Il favoloso mondo di Amelie, è una perla di divertimento, colori, sentimenti. Il regista francese lascia la madrepatria Francia per sbarcare, anzi ritornare, a Hollywood (c’era già stato nel 1997 per girare Alien – La clonazione) e condurci […]

Continua a leggere

Una nuova amica di Francois Ozon: la recensione

una nuova amica film

Dopo Nella casa (2012) e Giovane e bella (2013), Francois Ozon prosegue la sua indagine sul desiderio arrivando a creare una sorta di trilogia che, in Una nuova amica, trova il suo suggello, il risultato più riuscito, stratificato, maturo. Dal desiderio/piacere di guardare (ed essere guardati) al desiderio di fare sesso per puro piacere al desiderio più intimo e sottaciuto […]

Continua a leggere

La famiglia Belier: la fonetica dei sentimenti.

La Famiglia Belier

Il cinema francese è una vera fucina di commedie semplici, deliziose, sfiziose, dove tutto quadra, dove tutto è in gran parte prevedibile dopo una manciata di minuti. Su tutte il memorabile Quasi amici, diventato il secondo film francese di maggior successo di tutti i tempi (dopo Giù al nord del 2008), ma anche Cena tra amici (tanto che Francesca Archibugi […]

Continua a leggere

L’ homme qui rit: un Joker gotico

l'homme qui rit

Tra I miserabili e Edward mani di forbice, L’ homme qui rit di Jean-Pierre Améris, film di chiusura di Venezia 69, è una grande fiaba, magica e gotica, romantica e oscura. Protagonista è l’orfanello Gwynplaine, cresciuto con in volto uno sfregio incancellabile: un largo sorriso, da guancia a guancia, inciso sulla pelle con un coltello. Antesignano dell’arcinoto e amato Joker […]

Continua a leggere

Une place sur la terre: una fiaba moderna

Une Place Sur la Terre

Dietro un titolo esistenzialista, Une place sur la terre è una fiaba moderna, drammatica, capace di costruire anche se priva di lieto fine. C’è un principe, non azzurro ma in cappotto nero (Antoine, Benoît Poelvoorde), il suo fido scudiero, come un piccolo e simpatico Sancho Panza (Matéo, Max Baissette de Malglaive), e una triste principessa rinchiusa nel suo palazzo e […]

Continua a leggere

Barbecue: grigliata di amici e altri disastri

barbecue film francese

Barbecue di Eric Lavaine è un simpatico piccolo film francese assolutamente dimenticabile, anzi già dimenticato nel momento in cui usciamo di sala. Un film leggerissimo, senza alcuna pretesa di insegnare o lasciare il segno, con il solo umilissimo fine di sottoporci un antipasto di riflessione su cosa significa essere amici. Barbecue racconta di un gruppo di amici storici che per […]

Continua a leggere

Le dernier coup de marteau

le dernier coup de marteau film

Le dernier coup de marteau di Alix Delaporte è un piccolo film fatto di emozioni. Dopo Angele e Tony la giovane regista francese torna a raccontarci un piccolo dramma di provincia. Protagonista è Victor, quattordici anni, promessa del calcio, che vive con la giovane madre gravemente malata. Ben poco sa del padre, se non che è un noto direttore d’orchestra. […]

Continua a leggere

Near death experience: memorie suicide

Near Death Experience film

Come è difficile vivere. Come è difficile morire. Anzi suicidarsi. C’è sempre qualche ostacolo o pensiero che si frappone all’agire. Near death experience di Benoit Delepine e Gustave Kervern ci pone faccia a faccia con i pensieri di Paul, impiegato di una azienda telefonica pronta a chiudere i battenti, il quale decide di sfruttare un funesto venerdì 13 per suicidarsi. […]

Continua a leggere

Mammuth: Depardieu va in pensione

mammuth film depardieu

Il dramma della pensione. Ebbene sì, quel momento tanto desiderato per anni può inaspettatamente trasformarsi in un incubo. O almeno così è in Mammuth per Serge, il quale, dopo aver lavorato tutta la vita, senza mai un giorno d’assenza, si ritrova nullafacente e con la briga di dover attraversare in lungo e in largo la regione per ritrovare i documenti […]

Continua a leggere

Mommy: l’ingestibile talento di Xavier Dolan.

mommy film dolan

Cinque film a soli 25 anni. Dal 2009 ad oggi praticamente uno l’anno. Roba che in confronto a lui l’ormai ex astro splendente del cinema francese Francois Ozon è un pivellino. Xavier Dolan è senza dubbio il vero enfant prodige del cinema mondiale. Xavier Dolan è garanzia di qualità, sorpresa, estro creativo. Forse anche troppo. Con il pur bellissimo Mommy […]

Continua a leggere

Due giorni, una notte: il diritto al lavoro secondo i Dardenne

deux jours une nuit

Presentato in occasione della prima edizione di “Cannes a Firenze”, Due giorni, una notte riporta i fratelli Dardenne ad un tema caro al loro cinema sociale sin dagli esordi (La promesse): il dramma del lavoro. Questa volta si parla di licenziamenti e bonus in busta paga tra desiderio, necessità e diritto al lavoro. A differenza di altri precedenti, nonostante tutto […]

Continua a leggere

Tutto sua madre: Guillaume Gallienne, lui sì che capisce le donne…

Tutto sua madre con Guillaume Gallienne

Tale madre tale figlio. E se è vero che di mamma ce n’è una sola, Guillaume Gallienne se n’è impossessato fino alla venerazione, all’idolatria, alla mimesis totale. Tanto da portarla lui stesso sul grande schermo con una genuinità che schiva il caricaturale. Una vicenda autobiografica delicata e paradossale portata prima sulle assi del palcoscenico e poi nelle sale cinematografiche. Risultato: […]

Continua a leggere

On my way (Elle s’en va): Miss Catherine Deneuve on the road

Catherine Deneuve in Elle s’en va

Bettie ha fatto il pieno: vedova e sulla sessantina, conduce un ristorante sempre in debito, bada all’anziana madre con cui non è mai andata d’accordo, ha un pessimo rapporto con la figlia e un amante che improvvisamente l’abbandona per una donna ben più giovane di lei. E se ne va. Sull’orlo di una crisi di nervi e d’identità, monta in […]

Continua a leggere
1 2 3 4