The Artist: la recensione

Vincitore a Cannes 2011 del premio al miglior attore (Jean Dujardin), The Artist di Michel Hazanavicius è un’opera magica, pregna di nostalgia del cinema che fu, che incanta, lascia a bocca aperta, cattura gli occhi e l’anima. “Non ne fanno più di film belli come quella di una volta!” ripetono spesso i nonni, intrisi della filosofia del “si stava meglio […]

Continua a leggere

La guerra è dichiarata: profumo di Oscar.

Non è da tutti portare sul grande schermo un dolore vissuto in prima persona. Per di più se i protagonisti e sceneggiatori del film sono proprio coloro che sono stati direttamente interessati dal dramma. Con invidiabile coraggio e struggente meraviglia lo hanno fatto Valérie Donzelli e Jérémie Elkaim in La guerra è dichiarata, dove raccontano la propria storia di genitori […]

Continua a leggere

Miracolo a Le Havre: la recensione

Miracolo a Le Havre di Aki Kaurismaki, evento speciale in apertura del 29esimo Torino Film Festival, è una favola antica e moderna colma di speranza. Marcel è un lustrascarpe che conduce una vita onesta destreggiandosi tra il lavoro, gli “aperitivi” al pub all’angolo, la tacita compagnia della cagnetta Laika, gli amici della strada sotto casa e la silenziosa mogliettina Arletty. […]

Continua a leggere

Una separazione: about Nader and Simin

Il vecchio padre malato d’Alzheimer stringe con forza il polso della nuora. E non lo molla. Interviene il figlio: “Papà lasciala, ti prego, lasciala…”. Un piano sequenza a macchina fissa dove non vediamo i volti dei personaggi, ma solo questo gesto, semplice, umano, intenso, colmo d’emozione. Il significato: questa famiglia non s’ha da sfasciare, se lascio la presa la famiglia […]

Continua a leggere

This is not a film, il non-film di Panahi sulla sua prigionia

“Quando mi annoio, riprendo” afferma Jafar Panahi mentre con la videocamera del telefonino s’accinge a immortalare dalla finestra il suo Paese in rivolta. E’ una della molteplici sequenze che strutturano This is not a film, il documentario girato da Panahi, entro le mura di casa, con l’aiuto dell’amico e regista iraniano Mojtaba Mirtahmasb (al quale il 5 settembre scorso, a […]

Continua a leggere

Super 8: J.J.Abrams ama il vintage

Il vintage, si sa, va di moda. E J.J.Abrams sembra averlo capito bene. Super 8 infatti è un gustoso e dolciastro frullato del cinema anni ’80, dei favolosi anni ’80. Un’opera dal sapore decantato, di quelle che mancano ormai nel cinema votato al 3D degli anni Zero. Nerd di prima categoria, il maestro di Lost confeziona la sua pellicola più […]

Continua a leggere

Venere nera: signori e signore, la Venere ottentotta!

venere nera film

Meritava il Leone d’Oro della 67esima Mostra del Cinema di Venezia. Ma l’incredibile storia di Sarah Baartman deve aver urtato non poco anche l’animo pulp del presidente Tarantino, facendolo ripiegare sul filmettino (squisito ma pur sempre degno del diminutivo) dell’ex compagna Sofia Coppola. Perché Venere Nera di Abdel Kechiche scuote lo spettatore nel profondo, fa tappare gli occhi, ci mette […]

Continua a leggere

Bronson: l’ora (d’aria) della violenza

bronson film

“Io non sono cattivo, ho soltanto il lato oscuro un po’ pronunciato” era l’attenuante che si dava il Bel Renè nel Vallanzasca di Michele Placido. Un’ammissione caratteriale e intima estendibile (all’ennesima potenza) a Michael Peterson, in arte Charles Bronson, il più pericoloso carcerato d’Inghilterra. Con suntuosa ed eclettica maestria il miglior regista al Festival di Cannes 2011 (col film Drive), […]

Continua a leggere

Corpo celeste, buona la prima!

corpo celeste film

“Da un primo film m’aspetto che mi sorprenda per la sua originalità. Se non si è rompicollo in questa fase, non lo si sarà mai”. Così disse, al Festival di Locarno 1990, il critico Michel Ciment in merito ai film d’esordio (ne parla il Morandini in un suo adorabile libretto). Alice Rohrwacher ha il coraggio di osare, di parlare di […]

Continua a leggere

The Hunter: il cacciatore di uomini

the hunter film

E’ ufficiale: dopo Asghar Farhadi, Abbas Kiarostami, Jafar Panahi e Mohsen  Makhmalbaf il cinema iraniano ha un nuovo grande maestro: Rafi Pitts. Il suo ultimo The Hunter – Il cacciatore ne è la palese dimostrazione. Dimostrazione di un cinema che non solo garantisce qualità visiva, ma anche contenutistica, che scandaglia in profondità le pieghe più o meno controverse dell’Iran dei […]

Continua a leggere

The Tree of Life: Malick delude tra magnificenza estetica e noia emozionale

the tree of life

The Tree of Life di Terrence Malick è un film difficile, complesso, che non risponde ai classici canoni feisbucchiani del “mi piace” o “non mi piace”, né ai voti numerici o alle stelline del Morandini. E’ senza dubbio un’esperienza che non lascia indifferenti e da provare rigorosamente al cinema. Al costo di giungere ai titoli di coda con la palpebra […]

Continua a leggere

Good Bye, Lenin!

Good bye lenin

Raramente il cinema riesce a creare un ibrido omogeneo di dramma e commedia in modo equilibrato, senza calcare la mano né sull’uno né sull’altro genere, con una fluidità che non patisce attriti nè forzature. Good bye, Lenin! di Wolfgang Becker è una di queste rarità. Un’opera di bellezza non comune, che convince e scioglie cuore e anima sin dai primissimi […]

Continua a leggere

L’uomo che verrà: i bambini ci guardano

l'uomo che verrà giorgio diritti

Martina ha 8 anni, due gambe esili da pinocchietto e due grandi occhi spalancati sul mondo tra sogno e malinconia. Il suo sguardo tutto coglie e niente tralascia. Giorgio Diritti pone la macchina da presa ad “altezza bambino” e attraverso questa prospettiva pura e privilegiata ci conduce su e giù tra i boschi e i viottoli, i covoni di paglia […]

Continua a leggere

In un mondo migliore: quando le statuette hanno ancora senso

in un mondo migliore

Il terzo principio della dinamica prevede che ad ogni azione corrisponda una reazione uguale e contraria. Una sorta di legge del taglione trasposta in fisica. Della serie “occhio per occhio, dente per dente”. E’ la filosofia di vita che dimora nell’animo del piccolo Christian, protagonista, insieme al compagno di scuola e “di merende” Elias, del lugubre (spiritualmente) e raffinato (tecnicamente) […]

Continua a leggere

Habemus Papam: la sconcertante bellezza dell’umano troppo umano

habemus papam film

Il solenne silenzio del conclave è rotto dal ticchettare secco e inquieto delle penne sui tavoli lignei. Poi si alza il brontolio delle preghiere dei cardinali: “Signore, non io, ti prego! Non sono in grado, non sono all’altezza!”. Habemus Papam è la messinscena dell’umano troppo umano che alberga nel sacro e nel divino, nell’insostenibile pesantezza dell’essere Santo Padre. Papa Melville […]

Continua a leggere

Son of Babylon: nel nome del padre

Son of Babylon film

“Un vecchio e un bambino si preser per mano e andarono insieme incontro alla sera”. Così inizia una nota canzone di Francesco Guccini, perfetta nell’inquadrare una delle scene cardine di Son of Babylon di Mohammed Al-Daradji. Il piccolo Ahmed, appena 12 anni, trascina per mano sua nonna verso un pullman che conduce a Nassiriya, tappa di un viaggio della speranza […]

Continua a leggere

Il gioiellino di Andrea Molaioli: la recensione

il gioiellino film caso parmalat

Recensione di Il gioiellino di Andrea Molaioli. Un gioiellino sì, ma di bigiotteria. Da pochi carati, senza pietruzze luccicanti. Questo è Il gioiellino, l’ultimo film di Andrea Molaioli, il quale ci aveva abbagliato con l’affascinante La ragazza del lago. Ispirandosi allo scandalo Parmalat, il regista confeziona una pellicola sui “trucchetti” finanziari per tenere in piedi un’azienda dei giorni nostri. Un […]

Continua a leggere

Tutto su mia madre: film rosso – recensione

tutto su mia madre film rosso

Analisi di Tutto su mia madre di Pedro Almodovar. Premessa: quella che segue non è una recensione, ma un’analisi di alcuni aspetti del film. Tutto su mia madre (Pedro Almodovar, 1999) è un film di colore, anzi sul colore, vero collante di una storia complessa ed eccessiva. Un colore ridondante che nelle sue tonalità calde riecheggia le origini latine del regista. […]

Continua a leggere

Il cigno nero – Black swan: la recensione

Black Swan il cigno nero

Recensione di Il cigno nero di Darren Aronofsky. Perfetto, praticamente perfetto. E’ l’ultima battuta che Nina (Natalie Portman) pronuncia prima che la dissolvenza in nero metta fine alla pellicola e (molto probabilmente) alla sua vita, in una pozza di sangue. Ed è vanitosamente il pensiero di Darren Aronofsky, cosciente di aver creato con Il cigno nero un capolavoro. Perché Il cigno […]

Continua a leggere

Il curioso caso di Benjamin Button – recensione

il curioso casa di benjamin button con brad pitt

Recensione di Il curioso caso di Benjamin Button di David Fincher. Nascere, crescere, morire. C’est la vie. Ma vecchiaia e infanzia in che posizione della vita stanno? E conta l’età “cronologica” o quella “dell’anima”? Non chiedetelo a Benjamin Button. Perché Benjamin nasce come un ingenuo vecchio rugoso e artritico, mentre muore come un neonato con il ciuccio in bocca. Ma […]

Continua a leggere
1 5 6 7 8