Scappa Get Out di Jordan Peele: recensione

scappa get out

Scappa Get Out di Jordan Peele ha subito la stoffa del cult. Un thriller che mette più di un piede nell’horror con tese atmosfere da mystery. E ha più di qualcosa che strizza l’occhiolino a Black Mirror nell’analisi delle derive a cui possono arrivare certe neo-ideologie moderne, soprattutto in America. Scappa Get Out è un esordio davvero potente, che tiene […]

Continua a leggere

Animali notturni (Nocturnal Animals) di Tom Ford: la recensione

noctural animals animali notturni

A sette anni  da A Single Man, in concorso alla 73esima Mostra del Cinema di Venezia, torna l’attesissimo Tom Ford con la sua seconda opera di cui è regista, sceneggiatore e produttore. Un’opera incentrata nuovamente sulla solitudine esistenziale. Tratto dal romanzo di Austin Wright Tony & Susan, Animali notturni (Nocturnal Animals) è un’opera complessa disposta su più piani, dove il […]

Continua a leggere

Disorder – La guardia del corpo (Maryland) di Alice Winocour: recensione

Disorder - La guardia del corpo - Maryland

Disorder – La guardia del corpo (Maryland) di Alice Winocour, presentato nella sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes 2015, è un buon thriller che sa lavorare sulle atmosfere e sui personaggi. Ma gli manca qualcosa, purtroppo… Maryland. Disorder. Disordine mentale, materiale, sentimentale dei due protagonisti. Il primo è Vincent (Matthias Schoenaerts), soldato francese delle Forze Speciali appena rientrato […]

Continua a leggere

Blackhat: il thriller secondo Michael Mann.

blackhat film

Il cinema di Michael Mann non è mai stato commerciale. È sempre stato venduto come commerciale (basta riguardare alcuni trailer), ma non lo è mai stato. E in un’epoca in cui il cinema americano pare annaspare in originalità, personalità e autorialità di stile e contenuti, auto-dirottandosi verso un anonimato indistinto e un’omologazione di facile appeal sui teenager e il grande […]

Continua a leggere

L’ amore bugiardo e malato di un Fincher chirurgico

l'amore bugiardo

Con L’ amore bugiardo David Fincher imprigiona lo spettatore in un thriller chirurgico, millimetrico, dove niente è lasciato al caso. E ci imbriglia così bene da proibirci di dire “no, non mi hai convinto!”. David Fincher è sempre stato affascinato dalla psiche umana e dalla componente filmica più psicotica e cervellotica. La mente malata e precisa di un serial killer (Seven, […]

Continua a leggere

La spia: the most wanted man era Philip Seymour Hoffman

la spia film

È praticamente impossibile parlare de La spia (A most wanted man) di Anton Corbijn senza pensare al fatto che è stata l’ultima (grande) interpretazione di Philip Seymour Hoffman. Una performance da grandissimo attore, mai sopra le righe, una recitazione spessa ma tenuta sottotraccia, placata e ponderata, così genuina da parere a tratti cialtrona. Una prova che deflagra nella sequenza finale […]

Continua a leggere

Stoker, Hitchcock in salsa coreana

Stoker film

C’è qualcosa di Amleto, qualcosa di Lolita e qualcosa di Hitchcock in Stoker di  Park Chan-wook. Ma c’è anche il più grande regista coreano, un montaggio e una fotografia da brividi, quel gusto morboso e sacro per il sangue che solo i coreani hanno. Risultato finale: Stoker è un film estremamente seducente, enigmatico, che conquista il lato psicotico di ogni […]

Continua a leggere

Maps to the stars: Cronenberg senza bussola…

maps to the stars attori

Hollywood: terra di complessati, drogati, nevrotici, psicopatici. Star ovviamente. David Cronenberg sceglie questo mega-minimondo come protagonista del suo Maps to the stars. Per il quale non trova mai il verso giusto della bussola, consegnandoci una cartina che ci conduce verso un gigantesco finale punto di domanda: cosa voleva raccontarci Cronenberg? Un interrogativo lecito poiché la descrizione di questo star system […]

Continua a leggere

Black swan – Il cigno nero

Black Swan il cigno nero

Perfetto, praticamente perfetto. E’ l’ultima battuta che Nina (Natalie Portman) pronuncia prima che la dissolvenza in nero metta fine alla pellicola e (molto probabilmente) alla sua vita, in una pozza di sangue. Ed è vanitosamente il pensiero di Darren Aronofsky, cosciente di aver creato con Il cigno nero un capolavoro. Perché Il cigno nero è un film perfetto, un mosaico dove […]

Continua a leggere