Una questione privata: i fratelli Taviani resistono

una questione privata paolo e vittorio taviani e luca marinelli

Dopo il capitombolo imbarazzante di Maraviglioso Boccaccio, pareva impossibile sperare in un nuovo buon film girato dai fratelli Paolo e Vittorio Taviani. Una questione privata, liberamente tratto dall’omonimo capolavoro di Beppe Fenoglio, è una piccola grande sorpresa. Il partigiano Milton (Luca Marinelli) ha una questione privata da sbrogliare in pieno tempo di guerra, in piena Resistenza, mentre sui monti delle […]

Continua a leggere

The Place: quell’oscuro posto del desiderio

the place film genovese mastandrea

Già, il desiderio. È lui che muove tutto. Ricordate “l’amor che move il sole e l’altre stelle”. Ecco, l’amore, per se stessi o per qualcun altro, altro non è che il desiderio. Che dall’alba dei tempi ci spinge ad agire, nel bene o nel male, per ottenere ciò che vogliamo. E, volente o nolente, perpetrare il male per ottenere il […]

Continua a leggere

Mistero a Crooked House: invito al cinema con delitto

Il genere giallo ha da sempre esercitato un subdolo e irresistibile appeal nello spettatore. E le trasposizioni cinematografiche di opere letterarie hanno da sempre un quid di mistero. Un genere, quindi, molto amato ma anche assai insidioso proprio perché sul film vige il funesto confronto col romanzo da cui è tratto, con spettatori, spesso stati prima lettori, sempre pronti a […]

Continua a leggere

Suburra – La serie: recensione della prima stagione

“Kittesencula” recita sobrio il poster nella “cameretta” di Aureliano (Alessandro Borghi). Un neologismo (oddio non esageriamo!) che inquadra bene la condizione di partenza di Suburra – La serie, la quale sa di arrivare fuori tempo massimo, in sbracato ritardo sul banco delle series italiane che spaccano, quindi di sedersi al tavolo da gioco quando i migliori giocatori, gli assi e […]

Continua a leggere

La mélodie di Rachid Hami: la recensione

la mélodie film

Di film sulla musica e sulla scuola, sul senso di riscatto che può nascere da uno strumento musicale o da una matita ben impugnata, ce ne sono a dozzine. Il filone è stato così battuto da essere arrivati a raschiarne il fondo. La mélodie di Rachid Hami s’inserisce su questo binario, che dà sicurezza e non tradisce grossi rischi, e […]

Continua a leggere

Blade Runner 2049: i replicanti più umani degli umani di Villeneuve

Correva l’anno 1982, al largo dei bastioni di Orione navi da combattimento andavano in fiamme e raggi B balenavano nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E in quell’anno Ridley Scott ci ha fatto vedere cose che noi umani (spettatori) non avevamo ancora immaginato sul grande schermo. Oggi, a 35 anni di distanza, quei momenti non sono andati perduti nel […]

Continua a leggere

Il mio Godard: un genio o un cretino? La versione di Hazanavicius

il mio godard le redoutable

Godard, chi era costui? Ma soprattutto com’era e come raccontarlo/riportarlo in quell’arte che lui ha amato e rivoluzionato: il cinema. Un enigma già difficile quando ci approcciamo ad un “classico” biopic, forse insolubile quando si tratta di fare del cinema su una personalità che, a detta di molti, anzi di tutti, è stato ed è (per sempre) sinonimo di Cinema. […]

Continua a leggere

Ritorno in Borgogna, parabola della vigna e della famiglia

ritorno in Borgogna recensione film

La famiglia è come una vigna. Mette radici profonde, lega alla terra dove si è nati, dura più di una vita. La famiglia affronta le stagioni del tempo e del sentimento, il caldo euforico della gioventù, la fresca mitezza di una nuova speranza, l’umidità di legami che arrugginiscono, il freddo pungente di un lutto. Ritorno in Borgogna di Cédric Klapisch […]

Continua a leggere

Ammore e malavita dei Manetti Bros: la recensione

Sono passati esattamente vent’anni (era il 1997) da quel Tano da morire di Roberta Torre che, con un certo successo e un sentito clamore, mischiò musical e criminalità organizzata con l’aggiunta di una bella dose di kitsch e grottesco a cui (forse) non eravamo ancora abituati. L’urlo e il profumo del “mai visto” traboccavano da Tano da morire. E ci […]

Continua a leggere

Ella e John – The Leisure Seeker: recensione

ella e john the leisure seeker

Scritto da Biancamaria Majorana. Dopo il successo de La Pazza Gioia, per Paolo Virzì un altro road movie: Ella e John – The Leisure Seeker, tratto dall’omonimo romanzo di Michael Zadoorian (tradotto in italiano col titolo In viaggio contromano), presentato in concorso all’ultima Mostra del Cinema di Venezia. Stavolta, però, non sono i panorami della Versilia, tanto cari al regista […]

Continua a leggere
1 2 3 28