L’ora più buia: brilla Gary Oldman nella Darkest Hour di Joe Wright

l' ora più buia darkest hour recensione

“L’ ora più buia” (Darkest Hour) è un biopic elegante e appassionante, decisamente affine allo stile di Joe Wright che tanto ci ha abituato nel corso della sua carriera a sontuosi drammi in costume, da “Espiazione” ad “Anna Karenina”.

Continua a leggere

Suburra – La serie: recensione della prima stagione

Suburra – La serie arriva in ritardo rispetto alle series sorelle “Gomorra” e le altre. Ma sa dove farsi forza e farsi forte. Poi ci ricatta e corrompe. E ci porta via con sé. Onore a Netflix e al trio di registi Placido, Molaioli e Capotondi.

Continua a leggere

Barbara: Mathieu Amalric dal biopic alla biopsia

barbara di mathieu amalric

Di certo non si può negare che Mathieu Amalric, quando dismette la maschera da attore e indossa le vesti di regista, sia un intrepido del cinema francese e non solo. Lo aveva già dimostrato con Tournée del 2010, “intrufolandosi” nel dietro le quinte in continua scorribanda di un gruppo di donne del moderno burlesque. Con Barbara, che ha aperto il […]

Continua a leggere

L’inganno: le vergini (sedotte e) assassine di Sofia Coppola.

l' inganno sofia coppola

Prendete il peccato, dategli sembianze maschili, per lo più in divisa (il cui fascino è proverbiale), e chiudetelo in una casa di sole femmine (di un assortimento completo, da piccole donne a giovini accaldate a donne adulte apparentemente fredde), puritane, cattolicissime, che non sentono l’odore del testosterone da anni di guerra. Un gallo gettato in mezzo ad un branco di […]

Continua a leggere

Hannah di Andrea Pallaoro: recensione

hannah andrea pallaoro

Scritto da Vanessa Forte. Avete mai posseduto un bicchiere di vetro infrangibile? Cadono e ricadono ma, pur con qualche graffio, resistono. Fino a quando non sono colpiti con la giusta angolazione. Allora letteralmente esplodono. Hannah di Andrea Pallaoro è un bicchiere di vetro infrangibile. Dopo aver esordito con Medeas proprio in laguna, nella sezione Orizzonti 2013, Andrea Pallaoro è tornato […]

Continua a leggere

Lean on Pete di Andrew Haigh: la recensione

lean on pete

Scritto da Vanessa Forte. Quando sul grande schermo si ha a che fare con i cavalli, è sempre bene tenere a portata di mano un pacchetto di kleneex. Vedere Lean on Pete di Andrew Haigh per credere. Charley Thompson (Charlie Plummer) è un quindicenne che aspira ad una vita normale, fatta di casa, spesa, scuola, sport. Colmo di questa speranza […]

Continua a leggere

Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli: recensione

nico 1988

Scritto da Biancamaria Majorana. Una voce profonda, inquietante, ipnotica ha inaugurato la sezione Orizzonti del 74esimo Festival di Venezia. La voce della “regina delle tenebre”, Christa Päffge, meglio nota al mondo (musicale e non solo) come Nico. A portarla sul grande schermo è la regista italiana Susanna Nicchiarelli con Nico, 1988, film coraggioso, girato e scritto in lingua inglese. Ma […]

Continua a leggere

Sole Cuore Amore, l’Italia in insufficienza cardiaca

sole cuore amore film

Non si può lavorare da morire, e ancor peggio non si può morire di lavoro. È questo il fulcro di Sole Cuore Amore di Daniele Vicari, un film che sferra un duro colpo alla pancia del mondo del lavoro nell’Italia di oggi. Un film che prima ti stringe a sé, come un abbraccio di chi è in cerca di conforto […]

Continua a leggere
1 2 3 22