Mr. Beaver: Mel Gibson convince solo a metà

mrBeaverWalter Black dirige un’azienda di giocattoli in piena crisi di vendite ed è affetto da una grave forma di depressione che lo spinge più volte a tentare il suicidio. Il figlio maggiore lo odia e non vuole fare la fine del padre. La moglie lo abbandona perché non sopporta più di vivere con un morto che cammina. Ma la salvezza per Walter spunta un giorno dal cassonetto dell’immondizia: è Mr. Beaver. Un peluche a forma di castoro diventa la sua mano sinistra e la sua vita vira verso una rinascita…

Con Mr. Beaver Jodie Foster si divincola dall’americanismo tutto kolossal, film fantastici e super effetti speciali, puntando tutto sull’impervia e spinosa tematica della depressione. E lo fa con un soggetto estremamente originale, stringendo sul potere terapeutico di una marionetta, di quei peluche che piacciono a grandi e piccini e che, nella loro non-vita e immobilità eterna, sono spesso più espressivi e vitali dell’uomo.

Il film si apre con tono e musichette da commediola, poi una voce fuoricampo illustra una tragica situazione familiare, ma senza indugiare sul patetismo. La cromia fredda delle prime scene, la stessa che attanaglia l’animo di Walter, si fa via via sempre più evidente e avvolgente. La regia della Foster è delicata ma senza toni da fiction, personale ma non eccentrica, e accompagna la vicenda senza rubare la scena ai suoi personaggi. Notevoli le ripetute sequenze in cui la bocca del castoro si sovrappone a quella di Gibson, in un continuo gioco di sdoppiamento/unificazione della personalità (che addirittura raggiunge una “terza dimensione” nella voce fuoricampo in terza persona). Un’opera che procede in terra piana senza strappi o vezzi, verso un finale “in interno di garage” inaspettato ma inevitabile.

Qualche riserva e dubbio inossidabile rimane per la prova di Mel Gibson. L’aggettivo migliore per definirla è altalenante. Il suo volto di cemento ci propina per 90 minuti lo stesso sguardo da pesce lesso e cane bastonato con occhi al limite dell’essiccazione. La qual cosa può andare bene avendo a che fare con un personaggio depresso. Il problema sta nella coscienza che Gibson ha del suo personaggio. Alterna infatti momenti in cui dimostra di star fortemente dentro la parte (assegnatagli con magnanimità materna da Jodie Foster) ad altri in cui sembra cascato dal pero, come se si stesse interrogando sul significato di set cinematografico. In questo secondo caso, il castoro, a confronto, è più intenso e poliedrico. E’ quindi lecito pensare che (forse) qualsiasi altro attore, e ne pesco uno “a caso” come Bill Murray, già navigato dopo la simil-depressa performance in Lost in Translation di Sofia Coppola, avrebbe fatto certamente meglio. Insomma, un buon film con una grossa ombra intorno all’attore protagonista. E scusatemi se è poco…

Leggilo anche su www.cinemonitor.it

Vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Vota tu per primo)

Loading ... Loading ... … e lascia un commento!

email

11 commenti su “Mr. Beaver: Mel Gibson convince solo a metà

  1. Natascia
    30 maggio 2011 at 10:48

    umm invece a me è molto piaciuta la sua recitazione. Ha impersonificato alla grande quella ke è la depressione di una xsona. Nn è facile recitare 2 parti allo stesso tempo, lui con e senza il castoro….
    La regia a mio parere è molto semplice, ma la Foster ha fatto benissimo, in fondo x una storia come questa nn servono molti effetti speciali o kissà quali grandi giochi di ripresa.
    Personalmente sono rimasta entusiasta

    1. 30 maggio 2011 at 11:14

      Per quanto riguarda la regia della Foster infatti il mio parere è positivo. Riguardo Mel Gibson è proprio in questa “biforcazione” della performance che trova difficoltà. Forse uno più capace avrebbe fatto meglio… cmq si sa… De gustibus… :)

  2. 30 maggio 2011 at 18:33

    A mio parere è un film discreto che, pur senza particolari guizzi, ha il merito di lasciarsi vedere con piacere per tutta la sua durata. Mel Gibson non è certo un grande attore, ma la regia di Jodie Foster è attenta e corretta, e lui ne esce meglio del solito.

  3. fabio
    30 maggio 2011 at 19:19

    holà, come dicevamo l’altra volta, sono più d’accordo con natascia devo dire. Pur nemmeno a me piacendo molto mel Gibson (più che altro l’idea del personaggio) secondo me non era male, mi sembrava molto migliore in ogni caso degli altri attori, Jodie Foster inclusa. Sicuramente meglio dei ragazzini ecco. Un film che andrebbe in ogni caso visto nell’originale, perché più di altri si perde molto nel doppiaggio. L’ardua sentenza rimandata al rivederlo in inglese? Ummm, faticaccia…

  4. 30 maggio 2011 at 19:46

    Mi piace qst scambio di opinioni…
    A me la recitazione di Gibson non è piaciuta, però è soggettivo. Magari rivederlo in inglese potrebbe essere la soluzione… :)

  5. Paola
    31 maggio 2011 at 11:38

    bel film ma lui non rende molto!!! :) ciao tommyy

    1. 31 maggio 2011 at 12:08

      @Paola: breve, semplice e senza dubbio chiara nella tua opinione! : )

  6. 14 giugno 2011 at 6:10

    Il film ha il merito di non ricattare lo spettatore con facili espedienti e vanno riconosciute alla regia e alla sceneggiatura asciuttezza ed equilibrio. Ma va anche detto che sono presenti vari difetti, tra cui un fastidioso finale (eccessivamente «sorridente») e un Mel Gibson (statico e monocorde) che non dà l’impressione di saper compiutamente affrontare un ruolo particolarmente difficile e dalle mille sfaccettature.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *